Breaking news

Sei in:

Patto d’azione contro il Covid tra Fmi, Oms, Banca Mondiale e Wto: “Per uscire dalla pandemia bisogna vaccinare tutti. Pronto un piano da 50 miliardi di dollari”

di Kristalina Georgieva, Tedros Adhanom Ghebreyesus, David Malpass, Ngozi Okonjo-Iweala

Anche se alcuni paesi ricchi stanno già discutendo del lancio di dosi di richiamo per le loro popolazioni, la stragrande maggioranza delle persone nei paesi in via di sviluppo, anche gli operatori sanitari in prima linea, non ha ancora ricevuto il primo colpo. Le peggio servite sono le nazioni a basso reddito che hanno ricevuto meno dell’uno per cento dei vaccini somministrati finora

Mentre sono in corso i preparativi per il vertice del G7 nel Regno Unito di Gran Bretagna e Irlanda del Nord la prossima settimana, in cima all’agenda c’è come porre fine alla pandemia di COVID-19 e garantire la ripresa globale. Ci attendono sfide urgenti.

Ormai è diventato ampiamente chiaro che non ci sarà una ripresa su vasta scala senza la fine della crisi sanitaria. L’accesso alla vaccinazione è fondamentale per entrambi.

Ci sono stati progressi impressionanti sul fronte della vaccinazione. Gli scienziati hanno escogitato più vaccini a tempo di record. Un finanziamento pubblico e privato senza precedenti ha sostenuto la ricerca sui vaccini, lo sviluppo e l’aumento della produzione. Ma permane un pericoloso divario tra le nazioni più ricche e quelle più povere.

In effetti, anche se alcuni paesi ricchi stanno già discutendo del lancio di dosi di richiamo per le loro popolazioni, la stragrande maggioranza delle persone nei paesi in via di sviluppo, anche gli operatori sanitari in prima linea, non hanno ancora ricevuto la prima somministrazione. Le peggio servite sono le nazioni a basso reddito che hanno ricevuto meno dell’uno per cento dei vaccini somministrati finora.

La distribuzione iniqua dei vaccini non sta solo lasciando innumerevoli milioni di persone vulnerabili al virus. Consente inoltre a varianti mortali di emergere e rimbalzare in tutto il mondo. Poiché le varianti continuano a diffondersi, anche i paesi con programmi di vaccinazione avanzati sono stati costretti a reintrodurre misure di salute pubblica più severe e alcuni hanno implementato restrizioni di viaggio. A sua volta, la pandemia in corso sta portando a profonde divergenze negli equilibri economici, con conseguenze negative per tutti.

Non deve essere così. Ecco perché chiediamo oggi un nuovo livello di sostegno internazionale per l’attuazione di una strategia coordinata rafforzata, sostenuta da nuovi finanziamenti, per vaccinare il mondo.

Il Fondo monetario internazionale (FMI)  ha recentemente proposto un piano con obiettivi chiari, azioni pragmatiche e a costi fattibili. Si basa e sostiene il lavoro in corso dell’OMS, i suoi partner nell’iniziativa Access to COVID-19 Tools (ACT) Accelerator e il suo programma globale di accesso ai vaccini COVAX, nonché il lavoro del World Bank Group, l’Organizzazione mondiale del commercio (OMC) e molti altri.

Con una cifra stimata di 50 miliardi di dollari, si potrà porre fine alla pandemia più rapidamente nei paesi in via di sviluppo, ridurre le infezioni e la perdita di vite umane, accelerare la ripresa economica e generare circa 9 trilioni di dollari di produzione globale aggiuntiva entro il 2025. È una vittoria per tutti, mentre circa il 60 percento dei guadagni andrà ai mercati emergenti e alle economie in via di sviluppo, il restante 40 percento andrà a beneficio del mondo sviluppato. E questo senza tener conto degli inestimabili benefici sulla salute e sulla vita delle persone.

Cosa comporta questo piano?
Primo, aumentare la nostra ambizione e vaccinare più persone più velocemente: l’OMS e i suoi partner COVAX hanno fissato l’obiettivo di vaccinare circa il  30% della popolazione in tutti i paesi entro la fine del 2021. Ma questo può raggiungere anche il 40% attraverso altri accordi e investimenti impennati e almeno il 60% entro la prima metà del 2022. 

Per fare ciò sono necessari ulteriori finanziamenti per i paesi a basso e medio reddito, con una quota molto significativa sotto forma di sovvenzioni e finanziamenti agevolati. Per ottenere urgentemente più colpi di armi, le dosi devono essere donate immediatamente ai paesi in via di sviluppo sincronizzate con i piani di distribuzione dei vaccini nazionali, anche attraverso COVAX. È necessaria anche la cooperazione commerciale per garantire flussi transfrontalieri liberi e aumentare le forniture di materie prime e vaccini finiti.

In secondo luogo, assicurare contro i rischi al ribasso come nuove varianti che potrebbero richiedere colpi di richiamo.  Ciò significa investire in una capacità di produzione di vaccini aggiuntiva di almeno un miliardo di dosi, diversificare la produzione in regioni con poca capacità attuale, condividere tecnologia e know-how, aumentare la sorveglianza genomica e della catena di approvvigionamento e piani di emergenza per gestire le mutazioni del virus o gli shock dell’offerta.

Tutti i blocchi all’espansione dell’offerta devono essere rimossi e chiediamo ai membri dell’OMC di accelerare i negoziati verso una soluzione pragmatica sulla proprietà intellettuale. Un certo numero di paesi a basso e medio reddito si stanno anche muovendo per investire nella propria capacità produttiva locale, che è fondamentale non solo per porre fine a questa pandemia, ma per prepararsi alla prossima.

In terzo luogo, potenziare immediatamente i test e la tracciabilità, le forniture di ossigeno, le misure terapeutiche e di salute pubblica, aumentando al contempo la diffusione del vaccino e l’iniziativa ACT-Accelerator. L’OMS, l’UNICEF, la Banca mondiale e il Gavi hanno condotto valutazioni sulla preparazione dei vaccini in oltre 140 paesi in via di sviluppo e hanno fornito supporto e finanziamenti sul campo per prepararsi all’introduzione del vaccino.

E il costo? 
Dei 50 miliardi di dollari USA, vi è una forte motivazione per arrivare a raccogliere sovvenzioni per almeno 35 miliardi di dollari USA. I governi del G20 hanno inviato segnali positivi, riconoscendo l’importanza di fornire circa 22 miliardi di dollari di finanziamenti aggiuntivi per il 2021 ad ACT-Accelerator.

Sono necessari ulteriori finanziamenti di circa 13 miliardi di dollari per aumentare la fornitura di vaccini nel 2022 e aumentare ulteriormente i test, le terapie e la sorveglianza. Il resto del piano di finanziamento complessivo, circa 15 miliardi di dollari, potrebbe provenire dai governi nazionali supportati da banche multilaterali di sviluppo, inclusa la struttura finanziaria per la vaccinazione della Banca mondiale da 12 miliardi di dollari .

Perché il piano funzioni, ci sono due requisiti aggiuntivi: velocità e coordinazione.
Ci voglio finanziamenti immediati, donazioni di vaccini immediate e pianificazione e investimenti precauzionali immediati anziché impegni che potrebbero tardare a concretizzarsi. Ed è fondamentale che ciò avvenga il prima possibile.

Il Piano richiede inoltre un’azione globale coordinata, fondata sulla piena trasparenza  nel processo di approvvigionamento e consegna. Il successo della strategia dipende dal fatto che tutte le parti – pubbliche, private, istituzioni finanziarie internazionali, fondazioni – si muovano in tandem.

Investire 50 miliardi di dollari per porre fine alla pandemia è potenzialmente il miglior uso del denaro pubblico che vedremo nelle nostre vite. Pagherà un enorme dividendo di sviluppo e stimolerà la crescita e il benessere a livello globale. Ma la finestra di opportunità si sta chiudendo rapidamente: più aspettiamo, più costosa diventa, in sofferenza umana e in perdite economiche.

A nome delle nostre quattro organizzazioni, annunciamo oggi un nuovo impegno a lavorare insieme per aumentare i finanziamenti necessari, aumentare la produzione e garantire il flusso regolare di vaccini e materie prime attraverso i confini per aumentare drasticamente l’accesso ai vaccini per sostenere la risposta sanitaria e la ripresa economica, e per portare la speranza necessaria .

Le nostre istituzioni si stanno attivando per trasformare questa speranza in realtà:
L’FMI ??sta preparando un’assegnazione senza precedenti di diritti speciali di prelievo (DSP) per aumentare le riserve e la liquidità dei suoi membri. L’OMS sta cercando di identificare i finanziamenti in modo che possano essere soddisfatte le esigenze urgenti del suo piano di preparazione e risposta strategica e della partnership ACT-Accelerator, con il pool di accesso alla tecnologia COVID-19 (C-TAP) che incentiva la condivisione di know-how e tecnologia.

La Banca Mondiale avrà progetti di vaccini in funzione in almeno 50 paesi entro la metà dell’anno, con la International Finance Corporation che lavorerà per mobilitare il settore privato per aumentare la fornitura di vaccini per i paesi in via di sviluppo.

E l’OMC sta lavorando per liberare le catene di approvvigionamento affinché il piano abbia successo.
Porre fine alla pandemia è un problema risolvibile che richiede un’azione globale, ora.
Uniamoci tutti e portiamo a termine il lavoro.

Kristalina Georgieva
Amministratore Delegato del Fondo Monetario Internazionale (IMT)

Tedros Adhanom Ghebreyesus
Direttore generale dell’Organizzazione mondiale della sanità (OMS)

David Malpass
Presidente del gruppo della Banca mondiale

Ngozi Okonjo-Iweala
Direttore generale dell’Organizzazione mondiale del commercio (OMC)

01 giugno 2021

site created by electrisheeps.com - web design & web marketing

Back to Top