Sei in:

Pensioni. Inps: spesa per i dipendenti pubblici a 65 miliardi. Assegni più magri per le donne. Ecco i dati dell’Osservatorio

inps iL’Osservatorio della Gestione Dipendenti Pubblici: l’importo medio lordo mensile delle pensioni erogate è di 1.772,9 euro. L’assegno medio è più alto per gli uomini, 2.175,1 euro contro i 1.486 euro delle donne. L’erogazione delle pensioni per i dipendenti pubblici pesa per 65 miliardi sull’Inps, in gran parte legati a dipendenti maschi: l’assegno delle donne, che pure in numero sono superiori, è molto più leggero. Le donne rappresentano il 58,4% del totale dei pensionati ma percepiscono, in media, una pensione di importo pari al 68,3% di quella dei maschi. Forti anche le differenze tra categorie: al settore sanitario vanno trattamenti, in media, che superano di tre volte quelli degli insegnanti. Lo dice l’Osservatorio dell’Istituto, secondo il quale al 1 gennaio 2015 le pensioni nell’ambito della Gestione Dipendenti Pubblici sono 2.818.300, lo 0,16% in più rispetto a quelle vigenti al 1 gennaio 2014.

“La spesa complessiva ammonta a quasi 65 miliardi di euro, in aumento dello 0,75% rispetto all’anno precedente”. Dall’analisi dei dati relativi alle singole Casse, aggunge l’Inps, emerge che il maggior numero di pensioni, 1.677.746, è a carico della Cassa Trattamenti Pensionistici dipendenti Statali (CTPS), seguita dalla Cassa Pensioni Dipendenti Enti Locali (CPDEL), con 1.054.013 pensioni erogate, dalla Cassa Pensioni Sanitari (CPS), con 68.540, dalla Cassa Pensioni Insegnanti (CPI), con 15.095, e dalla Cassa Pensioni Ufficiali Giudiziari con 2.906 trattamenti pensionistici (CPUG). Anche in termini di peso finanziario, si sente maggiormente l’incidenza degli statali: la spesa delle pensioni della CTPS è di 40,8 miliardi, pari a circa il 63% del totale, mentre quella per la CPDEL è di 21,1 miliardi (31%). Il restante 6% della spesa, pari a quasi 4 miliardi, risulta suddivisa fra le altre tre Casse.

L’importo medio lordo mensile delle pensioni erogate è di 1.772,9 euro. L’importo medio è più alto per gli uomini, 2.175,1 euro contro i 1.486 euro delle donne. Queste ultime rappresentano il 58,4% del totale dei pensionati ma percepiscono, in media, una pensione di importo pari al 68,3% di quella dei maschi.

Guardando all’anno scorso, l’Istituto ha aggiunto 100.806 nuove pensioni, di cui circa il 60% negli Statali, il 36% negli Enti Locali e il restante 4% nelle altre tre Casse. La ripartizione secondo la tipologia delle pensioni mostra che il 41% del totale sono pensioni di anzianità/anticipate, il 13,4% pensioni di vecchiaia, il 7,3% di inabilità ed il 38,2% ai superstiti. La spesa per le nuove pensioni liquidate è stata di quasi 2,5 miliardi di euro, pari a circa il 4% della spesa totale. L’importo medio mensile delle pensioni liquidate nel 2014 ammonta a 1.872,8 euro, il 6% in più rispetto all’importo medio riferito all’intero complesso delle pensioni vigenti.

Da Repubblica – 15 maggio 2015 

Leave a Reply
 

Your email address will not be published. Required fields are marked (*)

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

site created by electrisheeps.com - web design & web marketing

Back to Top