Sei in:

Pubblico impiego. Per la Cassazione è legittima la “segnalazione” per l’assunzione. Una sentenza destinata a far discutere

Con la sentenza n.32035/2014, la Corte di Cassazione sembra avere legittimato di fatto lo strumento della raccomandazione quale mezzo utile per ottenere un lavoro alle dipendenze della Pubblica Amministrazione.

La vicenda in commento è scaturita dalle intercettazioni ambientali che avevano portato alla luce la segnalazione con la quale un Comandante dei Carabinieri, in merito ad un pubblico concorso, aveva sottoposto il nome della  figlia all’attenzione di un assessore comunale.

Nel secondo grado di giudizio il Comandante, al quale era stato contestato l’abuso d’ufficio, era stato assolto per intervenuta prescrizione del reato.

All’attenzione della  Suprema Corte era stata  invece sottoposta la posizione degli altri soggetti interessati al caso: l’assessore, il Segretario comunale, i componenti della Commissione di concorso ed il Presidente della stessa, accusati di abuso d’ufficio e falsità in atto pubblico.

Con una pronuncia che certamente farà discutere, gli ermellini hanno prosciolto tutti gli imputati, osservando che la sola segnalazione ad un  pubblico ufficiale non è sufficiente per ritenere perfezionata la raccomandazione, in quanto non vincola quest’ultimo  ad accogliere l’invito.

Valerio Pollastrini –  http://valeriopollastrini.blogspot.it –  1 settembre 2014 

Leave a Reply
 

Your email address will not be published. Required fields are marked (*)

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

site created by electrisheeps.com - web design & web marketing

Back to Top