Breaking news

Sei in:

Quote latte, il presidente Cia è preoccupato. E i ladri rubano ad Agea un pc con la documentazione storica

1a1a7_latte_16492-2Organizzazioni agricole preoccupate dal caso quote latte. Da un lato Confagricoltura, chiede di «voltare pagina rendendo effettiva la gestione del sistema» di recupero delle multe non pagate «per mettere fine a forme discriminatorie verso chi ha osservato le disposizioni di legge». Dall’altro, il presidente della Cia, Giuseppe Politi, ha tuonato: «è ora di finirla. È assurdo che recenti indagini giornalistiche facciano di tutta l’erba un fascio, criminalizzando un’intera categoria». Politi si dice «amareggiato da un j’accuse che disegna la zootecnia da latte come una sorta di associazione a delinquere» E aggiunge: « Chiediamo l’immediata costituzione di una commissione d’inchiesta che faccia massima chiarezza, e in modo definitivo, su tutta la questione, divenuta insopportabile».

ItaliaOggi conduce da mesi un’inchiesta a puntate sul tema. Domenica scorsa, l’inchiesta è stata ripresa dalla trasmissione di Rai Tre, Report.

A oggi, però, non risulta che tali «indagini giornalistiche» abbiano mai preso di mira gli allevatori; semmai le inchieste in corso indagano il modo in cui negli anni la pubblica amministrazione e la politica (Agea, Sin e Mipaaf) hanno gestito il sistema quote latte. Dinamiche che, a più riprese, hanno catturato l’attenzione delle forze dell’ordine, proprio perché ipotizzate come dannose per gli allevatori stessi. Resta da capire come mai Politi, da un lato chieda una commissione d’inchiesta «per far chiarezza in modo definitivo» sul sistema quote latte e, dall’altro, se la prenda con quei (pochi) giornalisti che cercano di capirci qualcosa.

E che magari condividono la sua istanza di chiarimento. Mistero. Intanto, sull’affaire continuano a emergere fatti mai balzati agli onori delle cronache. A gennaio in Agea è stato trafugato un personal computer contenente gran parte della documentazione storica relativa alle quote latte. Il computer era vetusto e chiuso in un armadio, eppure, secondo fonti Agea, è stato l’unico a catturare l’attenzione dei ladri. Il furto è stato denunciato ai Carabinieri. Altro mistero.

ItaliaOggi – 14 maggio 2012

 

Leave a Reply
 

Your email address will not be published. Required fields are marked (*)

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

site created by electrisheeps.com - web design & web marketing

Back to Top