Breaking news

Sei in:

Regione nel caos, in Piemonte voto annullato e urne vicine. Il bivio: sospensiva o alle elezioni subito

Il governatore: farò ricorso. I dubbi sui tempi per le elezioni. Al numero 45 di corso Stati Uniti non c’era nessuno. La sentenza che stravolge la vita politica del Piemonte è stata inviata ai diretti interessati per posta elettronica.

La motivazione ufficiale, fornita giovedì mattina al termine dell’udienza, attribuiva la scelta alla necessità del collegio giudicante di studiare meglio atti in realtà depositati da settimane. Lo slittamento della decisione a ieri, con conseguente aula deserta, è dovuta in realtà all’assoluta certezza che qualunque fosse stato l’esito, tra i due contendenti, meglio, tra le due fazioni, sarebbero volate botte da orbi, e non in senso figurato.

A questo ci si riduce, dopo quasi quattro anni passati con una spada di Damocle sulla testa, una specie di tortura della goccia cinese che ha paralizzato la vita politica di una intera regione e l’attività di maggioranza e opposizione, unite nella stessa incertezza. La giustizia, penale e amministrativa, ci ha messo molto, troppo tempo per fare il suo giro. «Il Tribunale amministrativo per il Piemonte accoglie il ricorso principale, e per l’effetto annulla l’atto di proclamazione degli eletti, ai fini della rinnovazione della competizione elettorale».

Tutti a casa, in estrema sintesi. Il desiderio espresso a grandi lettere su uno striscione lasciato da «forconi» e affini davanti alla sede del consiglio regionale sta per essere esaudito. Le elezioni regionali del 2010 che a sorpresa vennero vinte da Roberto Cota, il candidato del centrodestra che sfidava Mercedes Bresso, governatrice uscente del Pd, è come se non ci fossero mai state. A questo punto, urge riassunto dell’estenuante vicenda. Quella del 29 marzo 2010 è una lunga notte. I due candidati sono separati da una manciata di schede. Cota vince di un’incollatura, appena 9.372 voti. Un mese dopo, Bresso sembra l’ultimo giapponese nella giungla. Annuncia ricorso, denunciando irregolarità nella presentazione di alcune liste collegate al candidato leghista.

Il 15 luglio di quell’anno, altra notte bianca. Il Tar accoglie il ricorso presentato dalla ormai ex governatrice, Udc e Verdi. Ispirato da Salomone, ordina però il riconteggio delle schede contestate e soprattutto rimanda alla giustizia ordinaria civile l’esame della più «dubbia» delle liste, i Pensionati per Cota, portatori di un tesoretto da 27.797 voti e di un segretario-fondatore, Michele Giovine, da tempo indagato dalla procura per aver falsificato le firme necessarie alla candidatura. Dopo un balletto di ricorsi, nell’ottobre del 2010 il Consiglio di Stato annulla la sentenza del Tar ma innesca una mina sotto la poltrona di Cota, indicando con chiarezza un percorso da seguire: la palla tornerà al tribunale amministrativo, ma solo dopo la sentenza definitiva della giustizia penale, della quale si dovrà tenere conto. Il conto alla rovescia è cominciato.

La condanna in primo grado per Giovine arriva nel luglio 2011. Lui, ineffabile, continua a comparire intorno a Cota, nel ruolo del più classico dei convitati di pietra. Fino all’ultimo ha vissuto con una certa intensità la sua stagione da consigliere regionale, come attestato dai magistrati, mettendo in nota spese biglietti per lo stadio e il night club, soggiorni alle Canarie e Malta, 16mila euro di ristoranti. Già, intanto è arrivata a fine corsa anche l’inchiesta della procura sulle spese folli della Regione, che vede indagati 43 consiglieri quasi tutti del centrodestra e certo non rafforza la giunta di Cota. Il 13 novembre del 2013 la Cassazione rende definitiva la sentenza della giustizia penale.

Dunque era chiaro che la storia sarebbe finita dov’era cominciata, in questa palazzina liberty che ospita la sede del Tar regionale. Cota non l’ha presa bene, e non poteva essere altrimenti. «Un golpe. Una sentenza vergognosa, siamo in un Paese di matti. Hanno annullato il voto nonostante non fosse in dubbio il risultato, e dopo quattro anni». Il governatore lamenta la mancata considerazione alle liste tarocche schierate con Bresso, per le quali però, sostiene la controparte, non è mai stato presentato ricorso al Tar. La Lega Nord annuncia una manifestazione di protesta, il centrodestra piemontese solidarizza ma con un certo distacco. Il tempo trascorso tra la presentazione del ricorso e la sentenza è una abnormità italiana che rende amara la vittoria di Mercedes Bresso. «In Italia non si può avere giustizia in materia elettorale», dice con fatalismo. «Ho vinto, ma politicamente non significa nulla, questo non è giusto». La sentenza è esecutiva, ma ci saranno altri sussulti. Cota annuncia ricorso al Consiglio di Stato, che però aveva già rimesso la decisione di merito al Tar. In caso di accoglimento del ricorso passeranno venti giorni, almeno altri 45 giorni per l’esame in Consiglio e in linea teorica ce ne sarebbero altri 90 per sciogliere l’assemblea. Ma l’urgenza del provvedimento, indicata proprio dal Consiglio di Stato, attribuisce al prefetto la possibilità di agire per conto proprio, perché una nuova melina potrebbe allontanare la possibilità del voto accorpato con le Europee, causando spese ulteriori delle quali nessuno sente il bisogno. Quindi come andrà a finire? Ieri pomeriggio, dopo la mesta conferenza stampa, uno degli avvocati di Cota ha risposto in modo chiaro, allargando le braccia. «Game over».

Il bivio: sospensiva o alle elezioni subito

 ROMA — Si potrà andare a votare in Piemonte abbinando le elezioni europee con quelle regionali?

La domanda che tutti si fanno è questa. La risposta, in ogni caso non automatica, è che questo esito sarà difficile. Passeranno infatti altri mesi prima che — dopo 4 anni di ricorsi — si sciolga il «nodo Piemonte». Perché è presto detto. Il presidente Cota ha annunciato ricorso contro la decisione del Tar al Consiglio di Stato. E sicuramente chiederà la sospensiva del provvedimento dello stesso Tar.

Questa sospensiva comporterà da un minimo di una settimana ad un massimo di venti giorni. «Se la Regione chiede la sospensione urgentissima e per motivi eccezionali al presidente del Consiglio di Stato, quest’ultimo potrebbe concederla in una settimana», spiega il professor Piero Alberto Capotosti, ex presidente della Corte costituzionale. Anche se ci fosse questa decisione, tuttavia, si dovrebbe poi riunire la sezione competente del Consiglio e decidere definitivamente, entro venti giorni, la sospensiva, concessa in via straordinaria dal presidente.

La richiesta di sospensiva è una via obbligata per Cota perché la decisione depositata ieri del Tar del Piemonte è immediatamente esecutiva. Recita il dispositivo: «Il Tribunale amministrativo regionale per il Piemonte accoglie il ricorso principale e per l’effetto annulla l’atto di proclamazione degli eletti, unitamente agli atti presupposti oggetto di impugnativa, ai fini della rinnovazione della competizione elettorale». Se non venisse concessa la sospensiva, quindi, andrebbero indetti subito i comizi elettorali. Solo dopo il Consiglio di Stato si potrà esprimere nel merito della vicenda. Quanto altro tempo prenderà questo giudizio? «Non meno di due o tre mesi», sostiene Capotosti, in base alla sua esperienza. Anche perché, mette in evidenza, pur non conoscendo la materia del contendere, «il caso è abbastanza complesso, visto che sono stati necessari quattro anni per arrivare alla decisione».

Oggi è l’11 gennaio, con venti giorni per la sospensiva, si arriva a fine mese. Poi bisogna aggiungere altri due mesi, minimo, per la decisione di merito del Consiglio di Stato e si arriverebbe così a fine marzo. Tra lo scioglimento del consiglio e le elezioni però devono passare settanta giorni. Quindi — se viene rispettato questo ruolino di marcia — votare a maggio in Piemonte potrebbe essere difficile.

Corriere della Sera – 11 gennaio 2014 

Leave a Reply
 

Your email address will not be published. Required fields are marked (*)

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

site created by electrisheeps.com - web design & web marketing

Back to Top