Breaking news

Sei in:

Repubblica-Ceca, carne cavallo nelle polpettine Ikea. Blocco anche Italia

Anche le polpettine svedesi, servite nei punti di ristorazione dell’Ikea, contengono tracce di carne di cavallo. Lo scandalo che sta alalrmando tutta Europa è arrivato fino al colosso dell’arredamento low cost: gli ispettori che vigilano sulle derrate alimentari in Repubblica Ceca hanno trovato carne di cavallo in campioni di polpettine dell’Ikea di Brno. L’Istituto veterinario di Stato ha immediatamente notificato le rilevazioni al sistema di allerta europeo.

I prodotti in questione non erano ancora stati messi in vendita al pubblico e al momento non si sa se le polpette contaminate siano state distribuite in altri paesi europei.

Il gruppo Ikea ha risposto che i prodotti erano stati preparati da un unico fornitore svedese.

La Coldiretti propone di estendere immediatamente i controlli anche nei punti di ristorazione del gruppo Ikea in Italia. “L’attività di controllo deve però essere accompagnata da interventi strutturali come l’obbligo di indicare in etichetta la provenienza di tutti gli alimenti dopo che lo scandalo della carne di cavallo ha evidenziato il grave ritardo della legislazione europea nel garantire trasparenza negli scambi commerciali e nel difendere i consumatori ed i produttori dal rischio di frodi ed inganni”.

“La presenza di carne di cavallo in piatti pronti a base di manzo – continua la Coldiretti – prima della Repubblica Ceca aveva già portato a ritiri di prodotti, volontari o imposti dalle autorità, in Inghilterra, Francia, Germania, Bulgaria, Spagna, Portogallo, Svizzera, Austria, Norvegia, Finlandia, Danimarca, Belgio, Svezia. In Italia sono stati prodotti nei macelli 16,5 milioni di chili di carne equina (per la maggioranza di cavallo) nel 2012, ma la Coldiretti stima che appena il 25% derivi da animali nati, allevati e macellati a livello nazionale mentre la stragrande maggioranza viene dall’estero”.

La Coldiretti fa un quadro abbastanza allarmante del settore della carne: “la produzione nazionale è del tutto insufficiente per soddisfare il fabbisogno interno ed in Italia nel 2012 sono stati importati 30 milioni di chili di carne di cavallo senza l’obbligo di indicarne la provenienza in etichetta nella vendita al dettaglio tal quale o come ingrediente nei prodotti trasformati”. “Quasi la metà – precisa la Coldiretti – sono arrivati dalla Polonia, ma anche da Francia e Spagna mentre poco piu’ di un milione di chili proviene dalla Romania che sembra essere uno dei principali imputati dell’ “horsegate” che sta sconvolgendo l’Europa”. E gli italiani sono tra i maggiori consumatori di carne di cavallo nel mondo insieme a Francia e Belgio con un quantitativo medio di meno di 1 chilo a testa per un totale di 42,5 milioni di chili.

Hc – 25 febbraio 2013

Leave a Reply
 

Your email address will not be published. Required fields are marked (*)

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

site created by electrisheeps.com - web design & web marketing

Back to Top