Breaking news

Sei in:

Rottweiler sfigura una bimba di undici anni. La piccola era a casa di amici, giocava in cortile, quando il cane (legato) l’ha morsicata in pieno volto

Antonella Torra. Morsicata in faccia dal cane degli amici di famiglia, dove era a cena con i genitori. È grave la bimba di 11 anni che ieri alle 20,30 è stata caricata in tutta fretta su un’ambulanza ed è stata scortata da una pattuglia dei carabinieri (poi dai vigili urbani) al Regina Margherita per un intervento d’urgenza. I denti del molossoide hanno stretto per pochi istanti il viso della piccola, ma è stato sufficiente a causarle danni importanti.

Secondo una prima ricostruzione, la bambina e i genitori erano ospiti di amici, in via Torino 39/2, a Pino Torinese. Hanno cenato e come sovente accade i genitori hanno lasciato i bambini andare a giocare in cortile. I padroni di casa hanno un cane rottweiler, che ieri sera era legato proprio per evitare che potesse girare libero in cortile.

I carabinieri di Chieri cercano di capire che cosa sia accaduto. Pare che la bimba giocasse con gli altri bambini e si sia avvicinata troppo al cane, con ogni probabilità per giocare, ma il molossoide l’ha morsicata.

Le grida hanno attirato l’attenzione dei genitori, che sono scesi in cortile e hanno subito dato l’allarme. Sul posto è intervenuta l’ambulanza dell «118», che ha caricato la bimba ed è partita per Torino. Per evitare rallentamenti lungo la strada, i soccorritori hanno chiesto l’intervento di una pattuglia dei militari come «staffetta». I carabinieri hanno scortato l’ambulanza fino a Torino, dove sono stati rimpiazzati da una pattuglia dei vigili urbani, che ha preceduto i soccorritori fino al Regina Margherita.

Le condizioni della bambina erano gravi, ma non è mai stata in pericolo di vita. Le potenti mascelle del rottweiler hanno schiacciato la mandibola inferiore della bambina, causando anche un taglio di grandi dimensioni dalla bocca fino al naso. I denti del cane, poi, hanno anche rotto il palato della piccola: per questo è stata necessaria un’operazione chirurgica, con l’intervento dell’équipe specializzata in maxillo-facciale.

In serata, i carabinieri di Chieri sono andati in via Torino per raccogliere le testimonianze dei genitori della bambina, dei padroni di casa e degli altri bambini che erano in cortile al momento dell’incidente. Una causa dell’aggressione potrebbe essere legata al cibo: è possibile che il cane avesse davanti la ciotola con qualche residuo del pasto e sia scattato d’istinto, quando ha visto la bambina avvicinarsi. In giornata, i carabinieri dovrebbero completare la relazione sull’incidente.

La Stampa – 10 agosto 2015 

site created by electrisheeps.com - web design & web marketing

Back to Top