Sei in:

Salmonella in latte in polvere, probabile la contaminazione ambientale. Efsa e Ecdc: “Sono 39 i bambini colpiti. I Paesi condividano informazioni”

L’Autorità europea per la sicurezza alimentare (EFSA) e il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (ECDC) hanno pubblicato il risultato della valutazione del rischio relativa ai casi di salmonellosi correlati al consumo di latte in polvere per neonati prodotto dal gruppo Lactalis.

I primi episodi risalgono ad agosto 2017 e a oggi si sono registrati 39 casi in bambini di età inferiore ad un anno (37 in Francia, 1 in Spagna ed 1 in Grecia). La causa dell’infezione è stata identificata in Salmonella Agona, un sierotipo di Salmonella di non frequente isolamento, che in questo caso presenta delle caratteristiche biochimiche atipiche.

La comunicazione nel sistema rapido di allerta europeo (RASFF) è stata lanciata lo scorso dicembre, dopo che le autorità sanitarie francesi hanno notato un incremento dei casi di salmonellosi da Salmonella Agona, e di conseguenza sono state attivate le indagini epidemiologiche che hanno portato a identificare nel latte in polvere di marche diverse, ma tutte prodotte dal gruppo Lactalis, la fonte dell’infezione. È stato quindi attivato il richiamo dei lotti incriminati. Tali lotti risultano essere stati venduti in 13 Paesi europei (fra cui non figura l’Italia) e in 54 Paesi extra-europei.

“Si tratta di un sierotipo di Salmonella che non viene frequentemente isolato nell’uomo, più spesso correlato alla contaminazione dei mangimi” – è il commento di Antonia Ricci, direttrice del Dipartimento di sicurezza alimentare dell’IZSVe e chair del Panel Biohaz dell’EFSA. “In questo caso, peraltro, il ceppo isolato presenta caratteristiche biochimiche atipiche (non produce H2S) che possono averne ritardato l’identificazione da parte dei laboratori coinvolti. È interessante osservare che lo stesso sierotipo di Salmonella era stato causa di due epidemie legate al consumo di latte in polvere prodotto dalla stessa ditta nel 2004-2005.

La presenza di Salmonella in prodotti come questo, sottoposto a trattamento con temperature elevate, fa pensare alla presenza del patogeno a livello ambientale nello stabilimento e a una ricontaminazione del prodotto successivamente al trattamento termico stesso. Potrebbe trattarsi di un ceppo con particolari caratteristiche di persistenza, come si osserva sempre più frequentemente negli stabilimenti di produzione degli alimenti, e che risultano particolarmente difficili da debellare perché resistono anche ai disinfettanti e a condizioni ambientali sfavorevoli.

Un filone di ricerca su cui anche l’IZSVe sta lavorando da tempo, al fine di comprendere quali siano i meccanismi responsabili di queste resistenze e per poter studiare contromisure efficaci.

Da Efsa ed Ecdc un aggiornamento sul focolaio infettivo di Salmonella Agona

Il ritiro e/o il richiamo del latte in polvere per neonati prodotto da una ditta francese di trasformazioni alimentari ridurranno significativamente il rischio che altri bambini vengano infettati da Salmonella Agona, affermano EFSA ed ECDC dopo aver eseguito una valutazione rapida del focolaio.

Un focolaio di S. Agona legato al consumo di latte in polvere per neonati è in corso dall’agosto del 2017 in Francia, dove l’infezione ha colpito finora 37 bambini di età inferiore a un anno. L’analisi del sequenziamento dell’intero genoma (WGS) ha confermato che un caso in Spagna è strettamente connesso al focolaio francese. Un caso probabile è stato individuato in Grecia. L’ultimo caso è stato notificato il 2 dicembre 2017.

L’EFSA e l’ECDC raccomandano che le autorità competenti degli Stati membri interessati continuino a condividere informazioni sulle indagini epidemiologiche, microbiologiche e ambientali e ad emanare apposite notifiche tramite il “sistema di allarme rapido per alimenti e mangimi” (RASFF) e il “sistema di allerta precoce e reazione” (EWRS).

Per prevenire infezioni durante la somministrazione di latte in polvere, sia nei neonati sia in chi se ne prende cura, gli Stati membri dovrebbero prendere in considerazione l’eventualità di fornire al pubblico le seguenti raccomandazioni:

  • non usare alcuno dei latti per neonati implicati nel focolaio;
  • lavarsi le mani prima e dopo la preparazione del biberon;
  • non preparare i biberon in anticipo e gettare il contenuto se non consumato entro due ore.

Che cos’è una valutazione rapida di un focolaio?

Nel caso di focolai di origine alimentare che interessino più Paesi, il coordinamento a dimensione UE è importante. Una valutazione rapida di un focolaio infettivo (ROA) viene predisposta congiuntamente dall’EFSA e dall’ECDC in stretta cooperazione con i Paesi interessati. Il ROA fornisce una panoramica della situazione in termini di salute pubblica e individua il veicolo alimentare contaminato che ha causato le infezioni. Include anche indagini di rintracciabilità a monte e a valle per individuare l’origine del focolaio e i luoghi in cui i prodotti contaminati sono stati distribuiti. Tale approccio è fondamentale per individuare le misure di controllo più appropriate a prevenire un’ulteriore diffusione del focolaio.

20 gennaio 2018

site created by electrisheeps.com - web design & web marketing

Back to Top