Breaking news

Sei in:

Veneto: Pettenò (Fsv), no a rincaro trasporti sanitari

Contro il rincaro delle tariffe di autoambulanze e idroambulanze Pietrangelo Pettenò, consigliere regionale della Federazione della Sinistra veneta, mobilita il Consiglio regionale e la Giunta veneta chiedendo la revoca della delibera 1411 del 6 settembre 2011.

“La Giunta, con quella delibera – spiega Pettenò, che sul problema ha depositato una risoluzione da sottoporre al voto dell’assemblea veneta – ha rivisto i costi a carico degli utenti per i servizi di soccorso e trasporto sanitario. Le aziende sanitarie come l’Ulss 12 hanno già provveduto a modificare i propri regolamenti in materia di trasporti sanitari, consentendo di fatto il servizio solo a chi ha i soldi per pagarselo. Infatti, con le nuove regole, gli utenti sono tenuti ora a pagarsi l’ambulanza (o l’idroambulanza), salvo i casi di emergenza e altre pochissime eccezioni. Prima di questo adeguamento tariffario – aggiunge Pettenò – tutti i pazienti non deambulanti e non trasportabili con normali mezzi venivano trasportati gratuitamente. Ora invece i pazienti, anche quelli dimessi precocemente o che devono recarsi in ospedale per sottoporsi a terapie invasive, devono pagarsi i servizi di trasporto sanitario. Tutto ciò mina il diritto fondamentale e costituzionale alla salute”. Con la risoluzione, che sarà all’attenzione del Consiglio veneto in una delle prossime sedute, Pettenò chiede quindi il ripristino delle vecchie regole e delle vecchie tariffe nell’Ulss 12 e in tutte le aziende sanitarie del Veneto.

asca – 11 settembre 2012

Leave a Reply
 

Your email address will not be published. Required fields are marked (*)

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

site created by electrisheeps.com - web design & web marketing

Back to Top