Breaking news

Sei in:

Scienziati in allarme: non è finita. Cts: con assembramenti durante le festività i contagi ripartirebbero nel giro di una o due settimane

Il Corriere della Sera. C’è un bagliore in fondo al tunnel. Ed è quello acceso dai numeri degli ultimi giorni. Tutti in calo. Paradossalmente il timore è proprio questo. Che il quadro nel complesso incoraggiante dei dati venga male interpretato traducendosi nella tentazione di assembramenti.

«Se così fosse in due-tre settimane i contagi ripartirebbero. Sarebbe l’errore peggiore», incalzano c0n messaggi trancianti Silvio Brusaferro, presidente dell’Istituto superiore di sanità, e Franco Locatelli, presidente del Consiglio superiore di sanità, «timonieri» del Comitato tecnico scientifico (Cts). Il mese di dicembre, in virtù dei suoi appuntamenti festivi, offre il fianco ai pericoli. Dovrà essere un Natale diverso e vale anche per la funzione religiosa del 24 sera da rendere «compatibile con le misure già concordate con la Cei per evitare sia occasione di focolai».

Stesso allarme per l’ultimo dell’anno, per gli spostamenti di massa tra regioni, per gli acquisti, per la migrazione verso località sciistiche all’estero (Svizzera per prima) auspicando che i Paesi Ue riescano «a dare un messaggio univoco». Il distanziamento fisico e l’uso di mascherine sono due precauzioni da non dimenticare mai.

Il no agli assembramenti «deve valere per tutti, non solo per le piste da sci che sono meno problematiche», chiarirà il concetto alla riunione dei governatori sul Dpcm il presidente del Veneto, Luca Zaia. In questi giorni «abbiamo visto file inguardabili per il Black friday anche nelle zone rosse e con punte rilevanti nella Capitale dove è stato inaugurato un centro commerciale», denuncia la senatrice di Italia viva, Annamaria Parente. È successo a Roma, sulla via Laurentina con resse, gomito a gomito e polemiche fra Regione e Comune sull’opportunità di dare l’autorizzazione. Per il presidente dell’Ordine dei medici di Roma Antonio Magi è un segnale pessimo: «Sì allo shopping ma nel rispetto delle regole base. Evitate situazioni rischiose e se c’è afflusso rimandate e tornate più tardi».

La terza ondata potrebbe montare in tempi brevissimi. Giovanni Rezza, direttore della prevenzione al ministero della Salute, non la definisce così, ritiene che non si possa parlare neppure della seconda visto che la prima (di marzo-maggio) non si è esaurita.

Riaprono oggi tutti i negozi in Piemonte, assieme a Lombardia e Calabria, passate da zona rossa ad arancione. Ai commercianti massima libertà di apertura e chiusura per spalmare le attività su un ampio orario e prevenire code e raduni

site created by electrisheeps.com - web design & web marketing

Back to Top