La Commissione europea ha chiesto all’EFSA se i dati scientifici sul monitoraggio intensificato obbligatorio di 2 anni dei focolai di scrapie atipica (AS) (2013-2020) forniscano prove sulla contagiosità dell’AS e se abbiano aggiunto nuove conoscenze sull’epidemiologia dell’AS. Per rispondere a questa domanda è stato analizzato un set di dati ad hoc ottenuti da monitoraggio intensificato in 22 paesi con casi indice di AS in ovini e/o caprini (742 greggi da 20 paesi, 76 allevamenti da 11 paesi). Di seguito, una panoramica del report pubblicato da EFSA sui risultati ottenuti.

>Dal 1° luglio 2013, ai sensi del punto 2.2.3 dell’allegato VII, capitolo B, del regolamento (CE) n. 999/2001, le aziende con un caso confermato di scrapie atipica devono essere soggette a un protocollo di monitoraggio delle encefalopatie spongiformi trasmissibili (EST) intensificato per un periodo di 2 anni, durante il quale tutti gli ovini e i caprini di età superiore a 18 mesi e macellati per il consumo umano, e tutti gli ovini e caprini di età superiore a 18 mesi deceduti o abbattuti nell’azienda, devono essere testati per la presenza di TSE.Ai sensi dell’articolo 31 del regolamento (CE) n. 178/2002, la Commissione europea ha chiesto all’EFSA di rispondere alle seguenti domande (Terms of Reference, ToR):

  • I dati scientifici sul monitoraggio intensificato di 2 anni raccolti dalla Commissione europea forniscono prove sulla contagiosità della scrapie atipica? 
  • I dati scientifici sul monitoraggio intensificato di 2 anni raccolti dalla Commissione Europea forniscono nuove conoscenze sull’epidemiologia della scrapie atipica?

I dati, dal 2013 al 2020, relativi all’attuazione di protocolli di monitoraggio intensificato delle TSE da parte degli Stati membri e di alcuni paesi terzi, sono stati raccolti dalla DG SANTE e condivisi con l’unità Biological Hazards and Contaminants dell’EFSA. Questi dati non erano destinati ad essere un set di dati completo che consentisse un’analisi epidemiologica completa. Si basavano su un’indagine retrospettiva e si limitavano a quei greggi/mandrie infetti identificati attraverso la sorveglianza.

I ToR sono stati tradotti nelle seguenti domande di valutazione (QA):

  • AQ1: La prevalenza della scrapie atipica (AS) nell’insieme dei greggi/mandrie di ovini/caprini sottoposti a monitoraggio intensificato è statisticamente superiore a quella della popolazione generale dello stesso stato membro dell’UE nel periodo 2013-2019?
  • AQ2: Sulla base di un modello di simulazione della dinamica di AS in un gregge, quale dei due scenari (contagioso vs. non contagioso) si adatta meglio ai dati di monitoraggio intensificato osservati?
  • AQ3: È possibile colmare alcune delle lacune individuate nella conoscenza dell’epidemiologia di AS mediante l’analisi dei dati raccolti?

I primi due quesiti sono stati affrontati quantitativamente, analizzando i dati forniti grazie al mandato e i dati della sorveglianza TSE (dati generali) attraverso un’analisi descrittiva e comparativa (AQ1) e attraverso un approccio modellistico (AQ2). I risultati di queste analisi sono stati quindi utilizzati per rispondere al ToR1. La terza domanda di valutazione, che risponde al ToR2, è stata affrontata qualitativamente, rivedendo le evidenze dalla letteratura sulla base delle conoscenze degli esperti coinvolti nel Gruppo di Lavoro che ha redatto questo rapporto scientifico. Come primo passo sono state identificate le lacune in relazione alle attuali conoscenze sull’epidemiologia dell’AS. Quando una conclusione scaturita dall’analisi svolta all’interno di ToR1 ha portato a chiarire qualche aspetto delle lacune conoscitive individuate, questo è stato discusso in modo narrativo nel rapporto. Le lacune di conoscenza che l’analisi ToR1 non è stata in grado di colmare sono state elencate nel rapporto.

I dati del monitoraggio intensificato di 22 paesi hanno portato alla costruzione di un set di dati finale contenente 742 ID di gregge da 20 paesi, in cui il caso indice di AS (primo caso di AS rilevato in un gregge precedentemente registrato come non infetto o non sotto stretto controllo) era una pecora. Sono state testate un totale di 41.860 pecore (mediana: 616; intervallo: 1–16.460). Come risultato di questi test, sono stati segnalati 35 casi secondari di AS in 28 allevamenti infetti (3,8%) di otto paesi.

C’erano 76 ID di mandrie da 11 paesi in cui il caso indice di AS era una capra. Il numero totale di capre testate nell’ambito del monitoraggio intensificato di 2 anni negli allevamenti infetti da questi 11 paesi è stato di 4.865 (mediana: 12 range: 0-3.682). In questi allevamenti infetti non sono stati rilevati casi secondari di AS.

I risultati relativi alla prevalenza calcolata del design e di una simulazione del modello hanno indicato che il monitoraggio intensificato aveva una capacità limitata di rilevare AS, senza?nessuna differenza tra paesi con o senza casi secondari. Un modello di regressione ha mostrato un aumento, ma non statisticamente significativo, della prevalenza (aggiustata dal flusso di sorveglianza) di casi secondari negli allevamenti infetti rispetto a quella dei casi indice negli allevamenti non infetti (popolazione generale). Un modello di simulazione della trasmissione all’interno del gregge, confrontando uno scenario contagioso (cioè trasmissibile tra animali in condizioni naturali) con uno scenario non contagioso, ha prodotto una migliore corrispondenza dei dati osservati con lo scenario non contagioso, in cui ogni pecora in un gregge avevano la stessa probabilità di sviluppare AS nel primo anno di vita.

L’analisi descrittiva delle serie di dati generali e di mandato ha confermato che la AS è geograficamente diffusa nell’UE negli ovini e nei caprini, interessando principalmente i paesi con popolazioni di pecore o capre su scala medio-grande. Per le capre, il modello è simile, sebbene il numero di paesi con casi sia inferiore. L’analisi ha inoltre confermato che l’individuazione di casi di AS in generale e di casi multipli di AS che si sovrappongono nel tempo nella stessa azienda sono eventi rari nella popolazione europea di piccoli ruminanti, con alcune eccezioni in Portogallo e Ungheria.

I risultati delle analisi dei dati raccolti dal monitoraggio intensificato non forniscono informazioni aggiuntive su molti aspetti dell’epidemiologia della AS, inclusa l’esistenza di fattori di rischio diversi dall’età o dal genotipo a livello di popolazione e individuale; la possibile origine della malattia; l’eventuale variabilità dei ceppi di AS circolanti nella popolazione di piccoli ruminanti dell’UE e la relativa suscettibilità dei piccoli ruminanti; e l’evoluzione naturale della malattia; né offrono alcuna ragione per le apparenti differenze nell’epidemiologia della malattia nelle pecore e nelle capre.

Sulla base delle analisi dei dati ottenuti dal monitoraggio intensificato e tenendo conto delle incertezze e dei limiti dei dati, si è concluso che non vi sono nuove prove che AS possa essere trasmesso tra animali in condizioni naturali ed è considerato più probabile (probabilità soggettiva range 50-66%) che AS sia una malattia non contagiosa, piuttosto che contagiosa.

Clicca qui per scaricare il documento integrale:

Fonte: EFSA