Breaking news

Sei in:

Spending review mette le mani su risparmi dei professionisti. Casse nell’elenco Istat degli organi pubblici non economici

1a1a1_1aaaaaaaaasalvadanaio_rotto-400x300Casse di previdenza dei professionisti a dieta forzata per contribuire all’opera di risanamento dei bilanci dello Stato. Non è la prima volta che il legislatore interviene per limitare l’autonomia gestionale degli enti previdenziali concessa, prima, con il dlgs 509 del 1994 e, poi, confermata con il dlgs 103 del 1996. Ma la spending review, attualmente in discussione in Senato, va oltre mettendo le mani direttamente sui risparmi dei professionisti. L’articolo 8 del dl, quando parla della riduzione della spesa degli enti pubblici non territoriali, non lascia dubbi. La norma infatti prevede che le pubbliche amministrazioni inserite nell’elenco Istat (che, ricordiamo, contempla anche gli enti previdenziali autonomi) «sono tenute ad adottare interventi di razionalizzazione per la riduzione della spesa per i consumi intermedi sostenuta nel 2010 nella misura del 5% per il 2012 e del 10% a partire dal 2013».

Le somme derivanti da tali risparmi andranno versati annualmente ad apposito capitolo dell’entrata del bilancio dello Stato entro il 30 giugno. Per il 2012 entro il 30 settembre.

Dunque il rimando al controverso elenco Istat delle p.a. (legge 196 del 2009) ritorna ad erodere un altro pezzo della già ridotta all’osso autonomia delle gestioni previdenziali dei professionisti.

Gianni Mancuso – Presidente dell’Enpav – ha diramato un comunicato informando di aver presentato emendamenti al decreto 95. Le Casse di previdenza dei professionisti, seppur non incidano sui saldi strutturali della finanza pubblica in funzione della loro privatizzazione, ormai da tempo sono destinatarie delle norme dirette alla p.a.. Tanto che gli stessi enti è dal 2004 che contestano davanti al giudice amministrativo la loro inclusione nel citato elenco (aggiornato poi nel 2009) dell’Istituto nazionale di statistica. Ottenendo dal Tar Lazio, con la sentenza 224/2012, il pieno riconoscimento dell’autonomia contabile, organizzativa, gestionale e finanziaria, e aprendo così solo recentemente la strada alla revisione del documento Istat.

Un chiarimento che avrebbe dovuto mettere fine alla lenta «ripubblicizzazione» della previdenza dei professionisti. Invece così non è stato. Visto che dopo poche settimane, con apposita ordinanza, il Consiglio di stato, ha sospeso l’esecutività della sentenza del Tar e rimandato al prossimo 30 ottobre l’udienza di merito.

Fonte: Fnovi – 3 agosto 2012

Leave a Reply
 

Your email address will not be published. Required fields are marked (*)

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

site created by electrisheeps.com - web design & web marketing

Back to Top