Breaking news

Sei in:

Sperimentazione animale, dati statistici 2016. Il numero totale degli animali utilizzati nell’anno supera di poco le 600mila unità

Sono stati pubblicati in Gazzetta Ufficiale, Serie Generale, n. 60, del 13 marzo 2018, i dati statistici sull’utilizzo di animali a fini scientifici relativi all’anno 2016. I numeri si riferiscono all’impiego in un arco temporale di 12 mesi secondo le modalità previste dalla Direttiva 2010/63/UE, recepita in Italia con il decreto legislativo n. 26/2014.

Nell’anno 2016 il numero totale degli animali utilizzati per la sperimentazione supera di poco le 600.000 unità, attestandosi a 607.097 esemplari, facendo registrare un decremento rispetto al 2014 del 12,23% (691,666 unità) e un lieve aumento rispetto al 2015 con un +4,32% (581.935 unità) dovuto all’impiego nell’ambito regolatorio, ovvero per le attività scientifiche obbligatorie e disciplinate da altra normativa, come ad esempio la verifica della tossicità e sicurezza di vaccini e farmaci. In questo ambito la crescita è stata dell’11,66% mentre resta in calo il numero degli animali nei progetti finalizzati alla ricerca di base e alla ricerca applicata, ovvero quegli studi che verificano la possibilità di trasformare le scoperte scientifiche in applicazioni, con una diminuzione rispettivamente del 6,24 e del 5,23% rispetto al 2014.

Per quanto riguarda le specie animali il 90,36 % delle specie utilizzate per la sperimentazione è rappresentato da roditori e conigli. In aumento rispetto al 2015 il ricorso a topi e conigli, in lieve diminuzione l’utilizzo di ratti.

Infine, in attuazione del principio di sviluppo dei metodi alternativi alla sperimentazione animale stabilito dalla Direttiva 2010/63/UE, prosegue l’impegno del Ministero della salute che, per ridurre il più possibile il numero di animali soppressi a fini scientifici, nel settembre 2017 ha attivato una specifica sezione della Banca dati nazionale per la sperimentazione animale attraverso cui agevolare lo scambio di organi e tessuti tra gli enti di ricerca pubblici e privati.

Vanno avanti, inoltre, i lavori del Tavolo tecnico per i metodi alternativi che vedono lo stesso Ministero della salute seduto al fianco di Associazioni protezionistiche, ricercatori, Università, Istituto Superiore di Sanità e Istituto Zooprofilattico sperimentale della Lombardia e dell’Emilia Romagna – Centro nazionale di referenza per i metodi alternativi.

Per approfondire consulta:

Dati statistici relativi all’utilizzo di animali ai fini scientifici per l’anno 2016

Minsalute – 22 marzo 2018

site created by electrisheeps.com - web design & web marketing

Back to Top