Breaking news

Sei in:

Stallo sulle pensioni: nulla di fatto in Cdm. Si tratta

Quadratura del cerchio non semplice per la riforma previdenziale. E nemmeno il Cdm, che si è riunito alle 19 con un’ora di ritardo infine è riuscito a sciogliere il nodo

Silvio Berlusconi l’ha promesso all’Europa che ieri è tornata a sollecitare riforme strutturali per rilanciare la crescita. «Serve un intervento sulle pensioni, parlerò con Umberto Bossi», aveva detto ieri da Bruxelles il Cavaliere. Sulla riforma previdenziale, però, la quadratura del cerchio non è semplice. E nemmeno il Cdm, che si è riunito alle 19 con un’ora di ritardo sul ruolino di marcia, è riuscito a sciogliere il nodo. Il Senatur non vuole infatti cedere sulla riforma e a nulla sono serviti gli incontri di oggi del premier: prima con Giulio Tremonti, poi al Colle con Giorgio Napolitano, e subito dopo ancora con il ministro dell’Economia. Quindi l’impasse al Consiglio dei ministri preceduto da un summit a tre tra Berlusconi, Tremonti e Bossi, dai toni tempestosi. Ma la trattativa continua a oltranza con il premier di nuovo a colloquio con Tremonti, il Senatur e gli altri ministri della Lega, riuniti a cena, nel tentativo di trovare una quadra. Ecco la cronaca della giornata, minuto per minuto.

21.02 Pensioni: si tratta ancora dopo il nulla di fatto del Cdm

Dopo il Cdm Silvio Berlusconi prosegue la trattativa con la Lega con una cena tra il Cavaliere, Giulio Tremonti, il sottosegretario Gianni Letta, Umberto Bossi e gli altri ministri della Lega. A quanto si apprende una nuova riunione potrebbe essere convocata nelle prossime ore.

20.51 Pensioni: Cdm termina senza nessuna decisione

Il Consiglio dei ministri, secondo quanto si apprende, è terminato senza assumere una decisione in merito al nodo pensioni. Secondo le stesse fonti si dovrebbe tenere stasera una cena tra il premier Silvio Berlusconi e alcuni ministri.

20.43 Concluso il Cdm a Palazzo Chigi

È appena terminato a Palazzo Chigi il Consiglio dei ministri: la riunione è durata circa un’ora e mezza.

20.42 Bossi ai suoi: per la Lega nessun margine di trattativa sulle pensioni

«Per quanto mi riguarda sulle pensioni non ci sono margini di trattativa». Sul capitolo della riforma previdenziale Umberto Bossi – secondo quanto riferito da chi ha avuto modo di parlargli – ha oggi spiegato a colleghi di governo e a Silvio Berlusconi, incontrato in un lungo colloquio prima del consiglio dei ministri, che la Lega è «irremovibile».

20.35 Fini: Ue non impone nulla, abbiamo accettato noi le regole

«L’Europa non impone nulla, nel momento in cui siamo entrati a farne

parte ne abbiamo accettato le regole». A ricordarlo è il presidente della Camera, Gianfranco Fini, intervenendo a una conferenza a Roma. «Se vogliamo dare il colpo di grazia all’europeismo -afferma il presidente della Camera- dobbiamo dire che le cose le impone la Ue». Nel suo intervento Fini ha sottolineato «la crisi di prospettive» che sta vivendo il vecchio continente. «Oggi -ha detto- l’Unione ha il fiato grosso e cammina lentamente».

20.21 Letta: Berlusconi lasci, Pd pronto anche sulle pensioni

Il Pd è pronto a prendersi «ogni responsabilità», riforma delle pensioni compresa, purché Silvio Berlusconi lasci la guida del Governo e permetta la nascita di un «governo di transizione». Lo ha detto il vice-segretario del Pd Enrico Letta, intervistato dal Tg3.

20.14 Pensioni: nulla di fatto dopo incontro Berlusconi-Bossi

Il lungo incontro a palazzo Chigi tra il Silvio Berlusconi, Umberto Bossi e Giulio Tremonti si sarebbe concluso con un nulla di fatto. La riunione si è poi allargata ad altri esponenti della Lega ma, si spiega in ambienti della maggioranza, senza sostanziali passi avanti. Tanto da far temere il fantasma dello “strappo” da parte del Senatur come nel ’94. Il leader del Carroccio avrebbe ribadito che la riforma delle pensioni non passerà con i voti della Lega. E su questo, avrebbe poi confidato ai suoi, il governo rischia di cadere. La trattativa va avanti a oltranza a palazzo Chigi

19.53 Pensioni: toni accesi nel vertice Berlusconi-Bossi-Tremonti

Clima abbastanza surriscaldato prima del Consiglio dei ministri. Nella riunione tra il presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, il leader della

Lega e ministro, Umberto Bossi e il ministro dell’Economia, Giulio Tremonti, dedicata soprattutto al nodo pensioni, secondo quanto si apprende, si sarebbero registrati toni accesi.

19.49 Pensioni: Berlusconi in Cdm, stiamo ragionando con la Lega

Stiamo ragionando con la Lega su cosa si può fare sul fronte delle pensioni. Lo ha detto il premier, Silvio Berlusconi, durante il Consiglio dei ministri, secondo quanto riferito da fonti governative rischia di cadere. La trattativa va avanti a oltranza a palazzo Chigi

19.41 Pensioni: Bossi non cede su riforma, si cerca mediazione

Si sta cercando ancora una mediazione all’interno del Governo sul tema delle pensioni. Umberto Bossi, riferiscono fonti ministeriali, non cede. «Ma al momento non c’è alcuna rottura, si sta provando ancora a mediare», riferiscono le stesse fonti.

19.34 Bankitalia: ok Cdm a Visco

Il Consiglio dei ministri ha dato via libera alla nomina di Ignazio Visco a governatore della Banca d’Italia. Lo si apprende da fonti governative.

19.22 Iniziato il Consiglio dei ministri

È cominciato alle 19.10 il Consiglio dei ministri che si deve occupare delle misure economiche sollecitate dall’Ue in vista del Consiglio europeo di mercoledì. La riunione ha preso il via con oltre un’ora di ritardo, laconvocazione era infatti prevista alle 18.

19.20 Prodi: Merkel-Sarkozy? Irritato e umiliato

«Ieri sera mi sono prima di tuttoirritato e mi sono sentito anche umiliato ingiustamente». Così, a margine della presentazione di un libro a Bologna, Romano Prodi, ha commentato l’episodio che ha visto protagonisti la Merkel e Sarkozy.

19.01 Slitta ancora il Cdm, Bossi minaccia strappo sulle pensioni

Slitta ancora il Consiglio dei ministri convocato in un primo momento per le 18. È in questo momento in corso una riunione alla quale prende parte la delegazione leghista al governo, il premier Silvio Berlusconi e il ministro dell’Economia Giulio Tremonti. Lo scoglio resta sempre quello delle pensione. Una prima riunione non è servita a dirimere la questione: Umberto Bossi avrebbe minacciato – secondo fonti di governo – di arrivare a gesti estremi proprio sul capitolo previdenziale. È ora in corso una seconda riunione per provare a raggiungere un’intesa.

18.47 Mse: nel Dl sviluppo né sanatorie né condoni

«Nelle anticipazioni stampa vi sono norme non contenute nel provvedimento di sviluppo su cui sta lavorando il ministero dello Sviluppo Economico. In particolare, notizie riguardanti l’esistenza nel testo di “12 condoni” o di sanatorie sono del tutto infondate». È quanto si legge in una nota del dicastero guidato da Paolo Romani.

18.45 Camusso: su pensioni ipotesi gravi e discriminatorie

Le indiscrezioni di queste ore sulle misure che il governo si appresterebbe a varare sono «di una gravità inaudita» e hanno un «segno discriminatorio insopportabile». È quanto sottolinea il segretario generale della Cgil, Susanna Camusso.

18.42 Di Pietro: condono è istigazione a delinquere

«L’ipotesi di utilizzare il condono da parte del Governo per fare cassa è

un’istigazione a delinquere. Infatti questa norma induce i cittadini a pensare che é possibile operare al di fuori della legge visto che prima o poi tutto verrà condonato. Noi dell’Italia dei Valori crediamo sia più giusto prendere il denaro dai forzieri delle lobby, nascosti nei paradisi fiscali». È quanto afferma il leader dell’Italia dei Valori, Antonio Di Pietro.

18.41 Bersani: chiesta discontinuità a Napolitano

«È un giro di opinione che il presidente della Repubblica sta accogliendo. Al netto dei toni la posizione espressa da Enrico Letta e la mia, ovvero che serve una discontinuità o l’Italia non esce dai suoi problemi». Pier Luigi Bersani, segretario del Pd, spiega così l’incontro di stamattina al Quirinale tra Napolitano ed Enrico Letta.

18.33 Vertice Berlusconi-Bossi-Tremonti prima del Cdm

È in corso a Palazzo Chigi, a quanto si apprende, un incontro tra il premier Silvio Berlusconi, il ministro dell’Economia Giulio Tremonti e il leader della Lega Umberto Bossi, che precede il Consiglio dei ministri.

 ilsole24ore.com – 24 ottobre 2011

Leave a Reply
 

Your email address will not be published. Required fields are marked (*)

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

site created by electrisheeps.com - web design & web marketing

Back to Top