Sei in:

Tassista morto, chiuse indagini: omicidio volontario aggravato per tre

Anche un 26enne imputato di favoreggiamento. L’accusa: «Furono del Ciavarella gli ultimi colpi».

ILANO – Il pm di Milano Tiziana Siciliano ha chiuso le indagini per omicidio volontario aggravato dalla crudeltà e dai futili motivi nei confronti delle tre persone accusate di aver ucciso, lo scorso 10 ottobre, il taxista milanese Luca Massari, morto circa un mese dopo a seguito della brutale aggressione. In particolare, il pm ha chiuso le indagini (in vista della richiesta di rinvio a giudizio) nei confronti di Michael Morris Ciavarella, 32 anni, Piero Citterio, 26 anni e la sorella Stefania Citterio di 29 anni, che avrebbero pestato con violenza il taxista che aveva investito un cane e poi era sceso dalla macchina per scusarsi. Secondo le ricostruzioni fatte dal magistrato, durante l’aggressione Luca Massari è stato sottoposto ad una «furia incontenibile». Poi «gli ultimi due micidiali colpi del Ciavarella: una ginocchiata in pieno volto sferrata abbassando la testa del Massari e una spinta finale facevano cadere all’indietro la vittima del pestaggio che urtava violentemente con la testa il marciapiede rimanendo privo di sensi».

La prima ad aggredire, in via Luca Ghini, zona sud di Milano, il taxista, stando alle indagini, è stata la fidanzata di Ciavarella, Stefania Citterio, «che si è scagliata contro di lui iniziando a colpirlo con pugni e spintoni» urlandogli «ti ammazzo», «seguita da Pietro Citterio», il fratello. Il pm parla di «concorso morale e materiale» dei tre nell’omicidio. A carico di Pietro Citterio il pm ha ipotizzato anche i reati di incendio, per aver dato fuoco all’auto di un testimone dell’accaduto il giorno dell’aggressione, lo scorso 11 ottobre, e di minacce e percosse per aver aggredito un fotografo lo stesso giorno «con una scopa e a mani nude sferrandogli diversi calci e pugni». Il magistrato ha chiuso le indagini per favoreggiamento anche nei confronti di un uomo che «aiutava» i tre «ad eludere le indagini», perchè «sentito due volte dalla polizia giudiziaria» rispondeva «che ad aggredire fisicamente il Massari era stato il solo Ciavarella». Per le gravissime ferite riportate Massari moriva in ospedale un mese dopo, l’11 novembre.

Corriere.it

24 gennaio 2011

Leave a Reply
 

Your email address will not be published. Required fields are marked (*)

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

site created by electrisheeps.com - web design & web marketing

Back to Top