Breaking news

Sei in:

Treviso. E.coli, salame tossico per 2 bimbe. Azienda rischia chiusura

Rischia la chiusura l’azienda agricola che ha prodotto alcuni insaccati di maiale infettati dal batterio E.Coli, che hanno provocato una grave insufficienza renale a due bambine di 7 anni e 18 mesi di Ormelle e Ponte di Piave. I controlli disposti dai dipartimenti di igiene e sanità pubblica delle Usl 7 e Usl 9, hanno ricostruito la filiera fino ad identificare l’azienda che ha prodotto i salami.

L’allarme è scattato qualche settimana fa quando le due bimbe, pochi giorni dopo aver mangiato del salame casereccio prodotto dall’azienda, hanno iniziato ad accusare i sintomi di un grave insufficienza renale. Dall’ospedale Ca’ Foncello le due bambine sono state trasferite a Padova dove sono state curate. La più grande è stata dimessa da una settimana ed ha ripreso ad andare a scuola. Ancora gravi, ma stabili, le condizioni della piccola di 18 mesi il cui organismo è stato maggiormente minato dal battere E Coli O 157. «Nei bambini solo nel 10 per cento dei casi questo batterio, che normalmente provoca diarrea e febbre, sviluppa una sindrome euro emolitica con insufficienza renale come quella che ha colpito le due piccole – spiega Roberto Rigoli direttore del dipartimento di Patologia clinica dell’Usl 9 -. L’allarme tempestivo e il grande lavoro svolto dai tecnici degli uffici igiene delle due aziende sanitarie, ci ha consentito di ricostruire l’intera filiera di distribuzione degli insaccati e quindi di risalire all’azienda che l’ha prodotto isolando il focolaio

Corriere del Veneto – 10 nmarzo 2013

Leave a Reply
 

Your email address will not be published. Required fields are marked (*)

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

site created by electrisheeps.com - web design & web marketing

Back to Top