Sei in:

Treviso. Zaia “licenzia” il direttore del Dipartimento di prevenzione che lo aveva smentito su ebola. La replica del dg Roberti: incarico fiduciario

dalla Tribuna di Treviso. Gallo non è più capo del dipartimento di Prevenzione: incarico ad interim al direttore sanitario. La Regione gli ha inviato una contestazione medico-scientifica, il dg Roberti non lo ha riconfermato. Ma Roberti replica: “Non vi è in atto alcun licenziamento da parte dell’Azienda Ulss 9 e tantomeno da parte della Regione. Così come non si può parlare di riconferme quando si tratta di  incarichi fiduciari”

Giovanni Gallo non è più direttore del dipartimento Prevenzione dell’Usl 9. È stato sollevato dall’incarico che ricopriva dal 2008. Resta alla dipendenza dell’Usl 9, primario dell’Igiene pubblica, una delle 4 macroaree del dipartimento (le altre sono Medicina del lavoro, Educazione alla salute e Veterinaria). Ad interim, direttore del dipartimento è ora il direttore sanitario dell’Usl 9, Michele Tessarin. Lo ha disposto il direttore generale dell’Usl 9, Giorgio Roberti, che a fine ottobre non aveva rinnovato l’incarico a Gallo, nella delibera di nomina di direzione di dipartimento. Il nome di Gallo è l’unico che non compare nella lunga lista di riconferme.

Un provvedimento senza precedenti. Anche per le ragioni: formalmente sono tecniche. La mancata riconferma è stata adottata dopo che la Regione ha inviato a Gallo una lettera di contestazione tecnica-scientifica su quanto dichiarato dal medico il 7 agosto, nella conferenza stampa convocata dal governatore Zaia a Ca’ Foncello all’indomani del caso lebbra (un caso in un comune dell’hinterland). Il primario aveva preso le distanze da alcune affermazioni del governatore, che dal caso di lebbra si era allargato all’operazione Mare Nostrum ed Ebola, lanciando un «allarme rosso» sull’arrivo dei profughi dal Mediterraneo. Gallo aveva attenuato – e di molto – i toni dell’allarme di Zaia: una presa di distanza scientifica sgradita al governatore. L’entourage di Zaia aveva fatto capire subito come il governatore se la fosse legata al dito, e avesse vissuto il «distinguo» di Gallo come un «affronto» in diretta. La conferenza convocata da Zaia, peraltro, aveva provocato immediate e roventi polemiche: da più parti si era accusato il governatore di aver «mescolato sanità e politica» in una conferenza «anomala» che accostava i riscontri scientifici sul caso di lebbra a quella che molti avevano ritenuto «propaganda» di Zaia.

Di fatto, dunque, le ragioni sembrano essere del tutto politiche. E innescano un caso davvero inusuale ai confini fra medicina, scienza e politica. Tre mesi dopo, per Gallo è arrivato il conto delle sue affermazioni, colpevoli evidentemente di non essere «in linea» con quanto proclamato dal governatore. La lettera di contestazione a Gallo, stando a quanto trapela dal muro eretto fra Treviso e Venezia – cita letteratura medica, dossier e ricerche: la Regione contesterebbe punto per punto le parole di Gallo su tempi di incubazione di Ebola, modalità e ampiezza della profilassi, veicoli di epidemia e la loro pericolosità. In sostanza, la Regione «imputerebbe» a Gallo una linea di valutazione e di condotta troppo «morbida» e «prudente» rispetto ai rischi . Va detto che il paziente colpito da lebbra è nel frattempo guarito, e che in passato Gallo non aveva mai ricevuto contestazioni di alcun tipo. È’ stato il «verdetto» di una vera e propria inchiesta interna della Regione, che aveva acquisito a caldo registrazioni audio della conferenza e rassegna stampa.

«Non disturbare il manovratore», dice più di qualcuno in un ospedale Ca’ Foncello dove il provvedimento ha avuto l’effetto di una bomba, rimbalzata presto a Venezia. Raccontano – ma siamo a livello di rumors – di un colloquio molto franco tra il direttore generale Roberti e lo stesso Gallo. Di pressioni fortissime, da Venezia, su Roberti e sui vertici dell’Usl 9. E si parla anche di una lettera inviata da Gallo alla Regione e Usl 9, in cui si oppone al provvedimento. C’è chi parla anche di possibili iniziative legali da parte di Gallo, ma le indiscrezioni non trovano ancora conferme. Dal diretto interessato, ieri, solo un cortese, ma fermissimo «no comment».

LA REPLICA DELLA DIREZIONE GENERALE DELL’ULSS 9 DI TREVISO

Con riferimento all’articolo pubblicato il 16 novembre dalla Tribuna di Treviso dal titolo “Zaia licenzia il primario che lo aveva smentito su ebola” e gli altri ad esso collegati, il Direttore generale  Giorgio Roberti ritiene di dover precisare quanto segue.

“Non vi e’ in atto alcun licenziamento da parte dell’Azienda Ulss 9 e tantomeno da parte della Regione. Cosi’ come non si puo’ parlare di riconferme quando si tratta di  incarichi fiduciari. Tali,infatti, sono le nomine dei Direttori di area (Amministraitivo, Sanitario, Servizi sociali e Funzione territoriale, Funzione ospedaliera) e dei Direttori di dipartimento che il Direttore generale e’ chiamato a nominare nel rispetto dei requisiti di legge non tramite una selezione ma secondo una scelta discrezionale di fiducia. A tutt’oggi nell’Azienda Ulss 9 non ho provveduto ad alcuna nomina di Direttori di Dipartimento in attesa di dare attuazione progressiva al nuovo Atto aziendale adottato nel giugno scorso e approvato dalla Regione. Atto che prevede importanti riorganizzazioni e specifici provvedimenti attuativi. Ad oggi sono stati quindi solo prorogati, dove ho ritenuto opportuno, gli incarichi di Direttore di Dipartimento a suo tempo conferiti dal precedente Direttore generale. Nella fase attuale non si tratta quindi di confermare o meno nell’incarico ma affidare nuovi incarichi sulla base di un mutato rapporto fiduciario con un nuovo Direttore generale. Per altri Direttori, ad esempio, anch’essi legati da rapporto di fiducia, ho gia’ provveduto (Servizi sociali-Funzione territoriale e Funzione ospedaliera) con scelte esterne all’Azienda Ulss 9.

Al Direttore generale e’ attribuita la facoltà di scelta dei più importanti collaboratori, rispondendo in ultimo dei risultati della gestione aziendale. Provvederò sulla base di quanto ritengo più opportuno e delle mie valutazioni alle prossime nomine e risponderò dei risultati ottenuti.

Nell’Azienda Ulss 9 sono rispettate la libertà e l’autonomia professionale di tutti. Ma questo non ha niente a che vedere con le scelte attribuite al Direttore generale insieme alla responsabilità di risponderne in prima persona.

Nel caso specifico del Direttore del Dipartimento di Prevenzione, ho ritenuto di attribuirne temporaneamente le funzioni al Direttore sanitario anche in linea con la razionalizzazione dei costi, tenuto conto che le indennità di direttore di dipartimento ricadono nel bilancio aziendale e non  tra i fondi contrattuali previsti per il personale dirigente”.

Leggi anche

Lo scontro di agosto. Il governatore: frontiere più chiuse.  Gallo frenava: «No, rischi minimi»

Moretti sul caso-Gallo «Zaia chiarisca subito perché lo ha rimosso»

La Tribuna di Treviso e Ulss 9 – 16-17 novembre 2014

Leave a Reply
 

Your email address will not be published. Required fields are marked (*)

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

site created by electrisheeps.com - web design & web marketing

Back to Top