Breaking news

Sei in:

Da 2012 stop a galline in batteria. Richiamo della Ue

Dal primo gennaio 2012 entrerà in vigore la nuova legislazione e verranno adottati «opportuni provvedimenti contro coloro che non si adeguano»

Sono passati 12 anni dalla decisione del Consiglio dei ministri Ue di ampliare e di arricchire le gabbie destinate all’allevamento di galline ovaiole in Europa. Dopo alcune proroghe, la nuova normativa europea entrerà in vigore il primo gennaio 2012 e ai ministri riuniti ieri a Lussemburgo, il commissario Ue alla sanità, Joe Dalli, ha detto senza mezzi termini «che adotterà gli opportuni provvedimenti contro coloro che non si adeguano alla legislazione europea».

«La decisione politica del divieto è stata adottata nel 1999 – ha spiegato Dalli – e la situazione in certi Stati membri dichiaratamente insoddisfacente. Le conseguenze per il benessere degli animali e i rischi di distorsioni del mercato sono quindi reali e rischiano di minare la fiducia dei consumatori». Dalli ha poi messo in guardia: «La Commissione non intende posporre la scadenza e non esiterà ad avviare procedure d’infrazione in casodi mancata ottemperanza». Il commissario ha poi annunciato che esperti del servizio ispettivo della Commissione inizieranno a visitare determinati Stati membri dal gennaio 2012. Le eventuali decisioni in merito all’avvio di procedure d’infrazione si baseranno sui risultati di questi audit».

Va detto che l’Italia ha aumentato le sanzioni in caso di mancato rispetto della normativa dopo il 2012, ma la situazione sul futuro degli allevamenti di galline ovaiole si conoscerà come precisione solo alla fine di quest’anno, in quanto vi saranno anche aziende che sospenderanno l’attività, altre che alle gabbie preferiranno l’allevamento a terra. Quanto alle uova in commercio il primo gennaio 2012 a norma dal punto di vista sanitario ma provenienti da allevamenti nonpiù in regola, Dalli ha annunciato che dovranno essereri conoscibili, consumate solo sul territorio nazionale dove sono stati prodotte e vendute alle industrie di trasformazione. Il 28 ottobre gli esperti Ue si confronteranno su questo tema

22 ottobre 2011

Leave a Reply
 

Your email address will not be published. Required fields are marked (*)

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

site created by electrisheeps.com - web design & web marketing

Back to Top