Breaking news

Sei in:

Usl, con la riforma 130 milioni risparmiati. «In rosso restano solo Venezia e Rovigo». Ma Sinigaglia (Pd): «Tagliati i servizi»

A giudicare dai bilanci 2016 e 2017 delle nuove 9 Usl, nate dalle ceneri delle vecchie 21, la riforma varata due anni fa dalla giunta Zaia sembra aver sortito i risparmi annunciati. Nel 2016 il disavanzo totale accumulato da Usl, Aziende ospedaliere di Padova e Verona e Istituto oncologico veneto (Iov) ammontava a 216,1 milioni di euro e vedeva in attivo solo l’Usl Berica, l’Azienda ospedaliero-universitaria di Verona e lo Iov. L’anno scorso invece il «rosso» si è ridotto a 77,1 milioni e in disavanzo sono rimaste solo le Usl Serenissima (-68,7 milioni) e Polesana (-13,7). Protagoniste invece di un clamoroso recupero le Usl Scaligera, che ha trasformato il deficit di 52 milioni in un attivo di 10mila euro e l’Usl Euganea, capace di risollevarsi da un -38 milioni a un +25 mila euro.

Quest’ultima risalita non convince però Claudio Sinigaglia (Pd), componente della commissione regionale Sanità: «Per annullare un deficit di 38 milioni o sono aumentate le entrate o si sono ridotte le spese. Dai bilanci risulta che le spese per i servizi scendono da 1 miliardo e 750 milioni a 1 miliardo e 718 milioni: -32 milioni. In particolare si sono ridotti di 10 milioni i costi per i servizi ospedalieri, di 8 milioni le spese per le visite specialistiche, di 7 gli acquisti di rilievo sanitario, addirittura di 5 milioni le uscite per la protesica. E poi sono stati tolti 500mila euro alla Psichiatria e 1 milione al personale. Sarà utile approfondire se il taglio delle spese è avvenuto eliminando gli sprechi — aggiunge Sinigaglia — o contraendo, come pare, l’erogazione dei servizi. Attendo un confronto in commissione con i direttori generali e con il responsabile dell’area sociosanitaria, Domenico Mantoan».

Replica il presidente della commissione Sanità, Fabrizio Boron (Lega): «Quando è stata predisposta la riforma della sanità veneta, con la relativa diminuzione delle Usl da 21 a 9, avevo preventivato un risparmio di 90 milioni di euro l’anno e i numeri mi stanno dando ragione. Il che non significa però aver ridotto reparti, letti, ambulatori o altri servizi all’utenza, bensì essere riusciti a eliminare doppioni, a razionalizzare le risorse e a riorganizzare il sistema. Solo l’aver accentrato nell’Azienda Zero le gare, per esempio, consente un risparmio di 20 euro pro capite ad abitante in un’Usl di 500mila utenti».

Corveneto

site created by electrisheeps.com - web design & web marketing

Back to Top