Breaking news

Sei in:

Utili o dannosi? Ecco tremila enti nel mirino, palude 8miliardi

Enti utili o parassiti? Una palude da 8 miliardi. Dalla tutela delle gondole ai consorzi di bonifica: un’enorme galassia che brucia otto miliardi all’anno. Il ministro della Salute: «Va aggredito lo spreco del sistema organizzativo e non i servizi, c’è un eccesso di unità operative»

TANTI piccoli ruscelli formano il grande fiume. La spesa pubblica italiana ne è la prova. E’ maestoso per dimensioni il nostro grande fiume. Panta rei e inghiotte oltre il 50% dell’intero prodotto interno lordo (Pil) italiano. Può sembrare roba da poco. Tradotto in cifre fa impressione: oltre 800 miliardi di euro l’anno. Pensioni, sanità, dipendenti pubblici, hanno sempre il dito puntato contro.

IN REALTÀ, esiste una sorta di universo parallelo di cui non si parla mai. Sono gli enti (società, consorzi, eccetera) che fanno capo a Regioni, Province e Comuni. Il numero totale fa impressione: 3.127. Nel conto non ci sono gli enti statali. Quindi sono tutti ruscelli che direttamente, o indirettamente, contribuiscono a formare il grande fiume. L’ironia è che a sollevare il velo è stata l’Unione delle Province (Upi) suggerendo che proprio lì potrebbe esserci tanto da tagliare. I dati sono tutti ufficiali, divisi per regioni e pubblicati sul sito del ministero del Tesoro nel 2009. A parte il fatto che per scovarli serve una navigazione così complessa che creerebbe imbarazzo a chiunque, c’era la promessa che i dati sarebbero stati aggiornati ogni due anni. Nel 2011 non è stato fatto. Perché? Il panorama è diventato ancora più ampio? Troppo rischioso sollevare certi veli?

RESTA il fatto che 3.217 enti, pubblici o partecipati da un’amministrazione pubblica, significano come minimo 3.217 presidenti, altrettanti vicepresidenti, un numero indefinito di amministratori delegati e consigli di amministrazione (categorie tutte di rigorosa nomina politica), e giù, giù. Quale possa essere il totale anche Einstein avrebbe difficoltà a calcolarlo. In termini di soldi, l’ufficio studi del Senato ha calcolato che per i consigli di amministrazione se ne vanno 2,5-3 miliardi di euro l’anno, aggiungendo dipendenti, affitti, bollette, eccetera si sale fino a 7-8 miliardi. Si dirà: servono a fare funzionare gli enti locali che danno servizi utili ai cittadini. Per un buon numero di essi la risposta è sì.

MA PER TANTI altri? Perché deve vivere di soldi pubblici il Centro piemontese di studi africani? O un istituto per le piante da legno? O un centro di documentazione della storia della psichiatria? E non manca la scuola di vela in Liguria. Mentre in Veneto c’è pure un istituto per la conservazione della gondola e del gondoliere’. Che fa? Iberna i gondolieri? Abbondano pure le fondazioni. Ce ne sono di ogni tipo e per tutti i gusti compresa quella per lo studio transfrontaliero del Complico e Sappada’. A ogni pagina (in totale sono circa duemila) si trova almeno una sorpresa. Le università sembrano non bastare, tanto che abbondano gli enti per il diritto allo studio universitario’. Oltre alle agenzie’, spiccano in gran numero le Srl e le Spa con tanti bei nomi all’insegna della fantasia che, però, rendono impossibile capire che cosa facciano davvero. A spulciare ci sarebbe da divertirsi, se non fosse che dalle Alpi a Lampedusa, scorre il terrore che l’Italia pieghi le ginocchia. Mentre, si capisce bene perché a ridere siano i signori dello spread.

NEL SUO LAVORO certosino il ministero del Tesoro ha anche diviso per categorie i 3.217 ruscelli del grande fiume della spesa pubblica: 266 sono enti, 507 consorzi, 407 aziende e 1.947 società partecipate. E tutti, chi più chi meno, chi serve davvero e chi no, sono foraggiati con soldi pubblici. A suo modo è sorprendente l’entità dei consorzi. Quasi la metà sono consorzi di bonifica. Ce ne sono in tutte le regioni. Uno straniero che leggesse questi numeri si convincerebbe che l’Italia sia un paese tutto palude, che la bonifica della pianura pontina durante il ventennio fascista, o quella delle valli venete negli anni cinquanta siano ancora da finire. La Toscana, ad esempio, la immaginerebbe come il paradiso delle zanzare, visto che sono in attività addirittura 13 consorzi di bonifica. Per non farci mancare nulla aggiungiamo che ai consorzi di bonifica i cittadini del luogo devono pagare pure un balzello ad hoc. Guareschi le chiamerebbe le storie del grande fiume’.

LE CURIOSITA

Cda a valanga

Solo per i consigli di amministrazione degli enti pubblici locali se ne vanno dai 2,5 ai 3 miliardi di euro all’anno. Lo stima l’Ufficio studi del Senato

Boom di fondazioni

Oltre 2mila le fondazioni. E ce ne sono per tutti i gusti. Compresa la fondazione per lo studio transfrontaliero del Complico e Sappada.

IL PUNTO

Scure su 39 sigle e 400 cariche Tra i provvedimenti di spending review e i tagli avviati dal governo precedente, sono 39 gli enti soppressi o trasformati e 400 le poltrone eliminate. Si va da realtà importanti come Inpdap (1 presidente e 24 consiglieri) e Enpals (1 presidente e 12 consiglieri) che confluisono nell’Inps, a entità meno conosciute come la Stazione sperimentale per l’industria delle conserve alimentari (1 presidente e 17 membri del Cda). Oppure il Banco nazionale di prova delle armi da fuoco portatili e per le munizioni commerciali

Il Sole 24 Ore – 30 luglio 2012

Leave a Reply
 

Your email address will not be published. Required fields are marked (*)

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

site created by electrisheeps.com - web design & web marketing

Back to Top