Breaking news

Sei in:

Virus, nessuna regione passa in giallo. Il ministro Bianchi: il green pass a scuola non è una punizione, ci vuole responsabilità

Il Corriere della Sera. La Sicilia resta zona bianca, e così tutte le altre regioni in bilico. I dati di ricoveri e contagi si sono stabilizzati. Il cambio di colore per ora è scongiurato. Terza dose, interviene l’organizzazione mondiale della sanità: «La somministrazione non è necessaria». Lettera al Corriere del ministro all’Istruzione Patrizio Bianchi. «Il green pass a scuola non è una punizione, serve responsabilità». Due miliardi «per la ripresa».

La Sicilia resta in bianco, e così tutte le altre regioni italiane; la stagione turistica è salva e scongiurato è, al momento, il passaggio dal bianco al giallo. Ma la Regione è sotto stretta osservazione, così come la Sardegna e la Calabria, perché ha i parametri più a rischio sia per i ricoveri ordinari che per le terapie intensive.

In particolare, la Sicilia ha registrato ieri, nei dati aggiornati dell’Agenas, un tasso di occupazione dei reparti di rianimazione dell’11%, e quello dei reparti ordinari del 17%, entrambi i valori sopra la soglia mentre i dati ufficiali sono stabili al 10% per le terapie intensive e sempre 17% per i reparti non di area critica.

La Sardegna sale al 10% per l’occupazione dei posti letto in terapia intensiva e all’11% nei reparti ordinari. In Calabria, al 16% i reparti Covid e al 7% le rianimazioni.

Il tasso medio nazionale è rispettivamente del 5% e del 6%.

Nei prossimi giorni si potrà meglio valutare la situazione regione per regione e mentre continuano le sospensioni dei sanitari che non si sono vaccinati da Nord a Sud, il bollettino quotidiano del ministero della Salute riporta per giovedì 19 agosto 7.260 nuovi casi e 55 morti. Leggera crescita dei positivi in 24 ore, quasi cento casi in più a fronte di 206.531 tamponi, 19.892 in meno: sale anche se di poco il tasso di positività, dal 3,2% di mercoledì al 3,5% di ieri.

Le dosi di vaccino somministrate a ieri era di 74,5 milioni. Ad aver ricevuto entrambe le dosi sono 35 milioni e 900 mila persone, il 66,56% della popolazione.

Da fonti scientifiche qualificate si apprende che «la maggior parte dei pazienti deceduti per Covid nelle ultime settimane non era vaccinata o aveva ricevuto solo una prima somministrazione».

«Il parametro dei decessi è evidentemente legato a quello dei contagiati ricoverati. Secondo l’Iss l’incidenza delle infezioni è 10 volte più bassa nei vaccinati, quindi emerge un dato atteso», ha commentato Roberto Cauda, direttore dell’Istituto di malattie infettive del Gemelli.

Sulla terza dose ieri è intervenuta l’Organizzazione mondiale della Sanità: «Al momento i dati non indicano il bisogno di una terza somministrazione», ha detto Soumya Swamnathan, chief scientist dell’Oms. La priorità deve essere aumentare le coperture nei Paesi che ancora non hanno accesso al vaccino.

La posizione è stata ribadita da Bruce Aylward, un altro esperto Oms. «Ci sono abbastanza vaccini per tutti ma non stanno andando ne posto giusto al momento giusto».

site created by electrisheeps.com - web design & web marketing

Back to Top