Breaking news

Sei in:

Alimenti sudici ai bambini della Pediatria: sotto accusa il rappresentante della ditta. E il responsabile della qualità?

Alimenti assolutamente improponibili – a maggior ragione se destinati a bambini ricoverati in ospedale – perché conservati in condizioni igieniche precarie. A essere chiamato in causa è il legale rappresentante della ditta a cui è stato affidata la fornitura di cibarie per il servizio di ristorazione, ma per ‘pesare’ le responsabilità vanno valutate anche le competenze delle persone a cui sono stati affidati precisi compiti di controllo (Cassazione, sentenza 19684/13).

A richiamare l’attenzione è lo spettacolo nauseabondo presentatosi agli occhi dei bambini ricoverati nel reparto di Pediatria di un ospedale: «sostanze alimentari insudiciate» e, soprattutto, «confezioni di pane che presentavano, nell’involucro, morsi di topo». Scontate le lamentele dei genitori. E consequenziale è l’accusa nei confronti del legale rappresentante della ditta che ha in appalto la fornitura di cibarie per il «servizio ristorazione dell’azienda ospedaliera». Nessun dubbio, in sostanza, per i giudici, per addebitare all’uomo la responsabilità della violazione della normativa in materia di igiene «della produzione e della vendita delle sostanze alimentari e delle bevande». Ma tale prospettiva è messa in discussione dai giudici della Cassazione, i quali, pur constatando la prescrizione del reato, ritengono legittime le contestazioni mosse dall’uomo. Quest’ultimo, in particolare, evidenzia che «all’interno della società operava un responsabile della cucina e un responsabile della qualità, ai quali era demandato il compito di verificare l’idoneità dei cibi che uscivano dalla cucina per essere distribuiti nei reparti», e tale elemento, ammettono i giudici della Cassazione, è stato erroneamente trascurato. Piuttosto, sarebbe stato necessario, alla luce della presenza di «un responsabile della qualità e dell’autocontrollo aziendale», verificare «l’esistenza di una ripartizione di compiti o la delega di funzioni nell’ambito della compagine sociale», per verificare l’ipotesi di un «eventuale esonero del legale rappresentante» dalla «responsabilità» originariamente addebitatagli.

Fonte: www.dirittoegiustizia.it – 14 settembre 2013 

Leave a Reply
 

Your email address will not be published. Required fields are marked (*)

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

site created by electrisheeps.com - web design & web marketing

Back to Top