Breaking news

Sei in:

Benessere animale, la Commissione d’inchiesta del Parlamento europeo: norme obsolete e scarsamente applicate. Va favorito il trasporto di carne piuttosto che di animali vivi

Dopo 18 mesi di accertamento dei fatti, la Commissione d’inchiesta del Parlamento europeo sulla protezione degli animali durante il trasporto ha adottato le sue conclusioni e raccomandazioni. La Commissione ANIT ha stabilito che le norme UE sul trasporto di animali sono obsolete, fuorvianti e scarsamente applicate, che l’UE deve intensificare gli sforzi per rispettare il benessere degli animali durante il trasporto e favorire il trasporto di carne rispetto agli animali vivi, un maggiore controllo sulle esportazioni e il divieto di trasporto di animali molto giovani.

L’inchiesta del Parlamento europeo sulla protezione degli animali durante il trasporto, operata grazie all’istituzione di un apposito comitato (la Commissione ANIT) nel giugno 2020 per indagare su presunte violazioni delle norme dell’UE (regolamento 1/2015), si è conclusa giovedì, stabilendo che le disposizioni dell’UE in questo settore non sono sempre rispettate negli Stati membri e non tengono pienamente conto delle diverse esigenze di trasporto degli animali.

I deputati della Commissione ANIT hanno raccolto informazioni da cittadini e ONG sulle violazioni del benessere degli animali durante il trasporto. Queste violazioni includevano la mancanza di spazio libero, acqua o cibo, la spedizione di animali non idonei al trasporto, il sovraffollamento, l’uso di veicoli inappropriati, il trasporto a temperature estreme e tempi di viaggio prolungati.

La relazione che elabora i principali risultati dell’indagine è stata adottata con 30 voti favorevoli e un’astensione.

Raccomandazioni

Sulla base dei risultati, i deputati della commissione ANIT hanno approvato una serie di progetti di raccomandazioni con 24 voti favorevoli, 1 contrario e 5 astensioni. Questi includono un invito alla Commissione e ai paesi dell’UE a intensificare i loro sforzi per rispettare il benessere degli animali durante il trasporto e ad aggiornare le norme dell’UE.

Telecamere a circuito chiuso, temperatura adeguata e divieto di trasporto di animali molto giovani

I deputati chiedono telecamere a circuito chiuso sui mezzi di trasporto, in particolare per le operazioni di carico e scarico, per salvaguardare gli operatori che rispettano le regole. Chiedono inoltre alle autorità nazionali di approvare i piani di viaggio degli animali solo se la temperatura prevista è compresa tra 5ºC e 30ºC. Nuove leggi dovrebbero introdurre dispositivi di registrazione della temperatura, dell’umidità e dell’ammoniaca nei veicoli.

I deputati esortano inoltre la Commissione a stabilire limiti di tempo di viaggio che coprano tutte le specie animali e tutte le età, e il divieto di trasporto di animali molto giovani di età inferiore a 35 giorni. Il trasporto di animali non svezzati di età superiore ai 35 giorni dovrebbe essere evitato e consentito solo nei casi in cui il viaggio sia inferiore alle due ore.

Trasportare carne piuttosto che animali vivi

I deputati chiedono una transizione verso un sistema più efficiente ed etico, che favorisca il trasporto di sperma o embrioni rispetto ai riproduttori, e di carcasse e carne rispetto agli animali da macello. Invitano quindi la Commissione a presentare con urgenza, entro il 2023, un piano d’azione per sostenere questa transizione, compresa una proposta su un fondo specifico per ridurre al minimo gli impatti socio-economici dei cambiamenti che devono essere apportati.

Mettere un freno all’esportazione di animali vivi

Non esiste un sistema di controllo in atto“, affermano i deputati, “per il trasporto di animali verso paesi extra UE“. I membri della Commissione ANIT esigono che gli Stati membri ispezionino tutte le spedizioni verso paesi non UE, con un’attenzione particolare all’accesso degli animali all’alimentazione e all’acqua, al funzionamento dei dispositivi per abbeverarsi e allo spazio e all’altezza disponibile per gli animali. L’esportazione di animali vivi dovrebbe essere approvata solo se è conforme agli standard europei sul benessere degli animali.

Il relatore del PE Daniel Buda (PPE, RO) ha dichiarato: “Il corretto benessere degli animali durante il trasporto è nell’interesse condiviso degli allevatori, dei consumatori e dell’intera catena di approvvigionamento. Le decisioni prese al Parlamento europeo devono tenere conto delle realtà che ci circondano. Il trasporto di animali vivi è un ramo importante dell’economia dell’UE ed è fondamentale per la sopravvivenza finanziaria dei nostri allevatori. Il trasporto di animali vivi sia all’interno dell’Unione europea che nei paesi terzi deve continuare nel rispetto, ovviamente, della legislazione e del miglioramento degli standard di benessere”.

Il correlatore Isabel Carvalhais (S&D, PT) ha aggiunto: “Vogliamo che questo comitato faccia davvero la differenza nella difesa del benessere degli animali durante il trasporto di animali vivi. Questa è un’ambizione costruita sul rispetto delle diverse realtà geografiche nell’UE, per le nostre comunità rurali e per le continue differenze nello sviluppo delle infrastrutture in tutto il continente”.

Prossimi passi

L’Assemblea plenaria discuterà entrambi i documenti e voterà il progetto di raccomandazione alla sessione plenaria di Strasburgo a gennaio 2022.

Per maggiori informazioni:

 

 

Fonte: Parlamento europeo

site created by electrisheeps.com - web design & web marketing

Back to Top