Breaking news

Sei in:

Cassazione lavoro. Prossima alle nozze? Vietato licenziarla

La Cassazione non lascia dubbi: «la tutela accordata alle lavoratrici che contraggono matrimonio è fondata sull’elemento obiettivo della celebrazione del matrimonio e non è subordinata all’adempimento di alcun obbligo di comunicazione da parte della lavoratrice».

Pertanto è illegittimo, in base alla sentenza n. 17845 della sezione Lavoro della Corte Suprema, il licenziamento inflitto ad una lavorarice della capitale nel marzo del 2000, convolata a nozze durante il preavviso di licenziamento.

Il caso

La lavoratrice impiegata nel settore del commercio era stata licenziata con lettera del 16 febbraio 2000 e decorrenza dal successivo 30 marzo. Negli stessi giorni era convolata a nozze. L’illegittimità del licenziamento, decretato dal giudice del lavoro, era stata sancita dalla Corte d’appello di Roma nel 2008 per «difetto di giustificato motivo oggettivo» e sulla base del fatto che l’espulsione dal lavoro non era stata intimata nel periodo indicato dalla legge.

La donna, nonostante il reintegro, ha proseguito la sua battaglia in Cassazione vivendo come un torto il fatto di essere stata licenziata a nozze ormai alle porte e facendo presente che «in caso di pubblicazioni del matrimonio avvenute durante il preavviso di licenziamento, poichè il preavviso deve essere considerato a tutti gli effetti come periodo lavorato, il licenziamento dovrebbe essere considerato nullo, in quanto poteva essere revocato».

La pronuncia di legittimità

La Cassazione non ha condiviso le premesse argomentative della difesa, ma ha colto l’occasione per spiegare che «il divieto di licenziamento attuato a causa di matrimonio opera allorchè» l’espulsione sia stata intimata «senza che ricorrano i presupposti di una delle ipotesi di legittimo recesso datoriale, nel periodo intercorrente tra la richiesta delle pubblicazioni ed un anno dalla celebrazione».

Chiarisce ancora la Cassazione che «soltanto il licenziamento intimato in tale periodo incorre nel relativo divieto», mentre «non può assumere rilevanza la richiesta di pubblicazioni successiva al licenziamento, seppure intervenuta nel periodo di preavviso».

 lastampa.it – 7 settembre 2011

Leave a Reply
 

Your email address will not be published. Required fields are marked (*)

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

site created by electrisheeps.com - web design & web marketing

Back to Top