Breaking news

Sei in:

Confindustria: “I contratti aziendali possono sostituire quelli nazionali”

Il vicepresidente Alberto Bombassei: “Il Lingotto ha un accordo con la maggioranza dei lavoratori”.

L’organizzazione degli industriali, dice in sostanza il numero 2 degli industriali, è disponibile a recepire questa linea: “Pronti a definire un’intesa con le organizzazioni sindacali” che estenda l’esperienza dell’industria automobilistica ad altri comparti del lavoro. Landini (Fiom): “Vogliono cancellare i contratti nazionali”

ROMA – “Le scelte di Confindustria sono ispirate all’unico criterio di creare le migliori condizioni perchè le aziende possano essere competitive oggi, nell’attuale contesto globale. Per questo nel 2009 abbiamo firmato il Protocollo sui livelli contrattuali al costo di una non facile rottura con la Cgil. Per questo diciamo da tempo che laddove, come nel caso della Fiat, vi sia un contratto aziendale che ha il consenso della maggioranza dei lavoratori, tale contratto deve essere considerato valido per tutti e deve poter sostituire il Ccnl”. Così Alberto Bombassei, vice presidente di Confindustria per le Relazioni Industriali.

“Condividiamo pienamente la richiesta di Fiat di avere un sistema in cui i contratti stipulati con una maggioranza dei lavoratori siano pienamente vincolanti per tutte le organizzazioni presenti in azienda. Come noto, siamo anzi pronti a definire un accordo in questo senso con le organizzazioni sindacali che possa essere poi recepito dal legislatore. Sarebbe un passaggio importante nella modernizzazione delle relazioni industriali, cui contiamo di lavorare in piena sintonia con Fiat”, aggiunge il vice presidente.

“Alla luce di queste considerazioni, riteniamo che l’appartenenza a Confindustria non indebolisca Fiat, anzi la rafforzi. Non vediamo controindicazioni, nè sul piano delle strategie di fondo nè sotto il profilo strettamente tecnico-giuridico. Al riguardo, facciamo notare che la Fiat, come qualunque altra azienda, può essere associata a Confindustria pur avendo un proprio contratto aziendale sostitutivo rispetto al Contratto collettivo nazionale di lavoro. Non lo impedisce nessuna regola interna al sistema Confindustria. Nè lo può impedire – conclude Bombassei – la legge o la giurisprudenza, dal momento che Confindustria è un’associazione del tutto volontaria”.

“Confindustria finalmente getta le maschera: vuole cancellare i contratti nazionali nel nostro paese, e chiede una legge per permettere ad un’azienda di farlo. Vuole insomma un regolamento delle libertà”: è questo il commento del segretario generale della Fiom Maurizio Landini alle affermazioni di Bombassei,

“Bombassei sta offrendo a Marchionne una cosa che sa che non vale, e chiede addirittura una legge che ora non esiste. Quindi chiede in sostanza di non rispettare le leggi attuali”, spiega Landini aggiungendo che “se Bombassei pensa che ognuno può fare come gli pare, mi sembra che vada contro gli interessi degli associati di Confindustria e anche contro gli interessi del Paese”.

Repubblica.it – (04 giugno 2011)

Leave a Reply
 

Your email address will not be published. Required fields are marked (*)

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

site created by electrisheeps.com - web design & web marketing

Back to Top