Breaking news

Sei in:

Congresso Sivemp Sardegna. Grasselli: tavola rotonda su intimidazioni segnale importante di inversione di tendenza

Le intimidazioni e gli atti di violenze che sono perpetrati contro i veterinari del Servizio sanitario pubblico sono un indicatore di grave disagio sociale e di abbandono delle politiche di ascolto dei territori e talvolta di un clima di illegalità montante che trova conforto dalle contraddizioni delle istituzioni.

Se i cittadini sono rancorosi verso il Servizio sanitario nazionale molto dipende dalle responsabilità di chi in questi ultimi anni ha fiaccato le potenzialità strutturali e professionali della più importante infrastruttura del welfare nazionale, demoralizzando il personale e definanziando pesantemente il sistema.

Il 37,8% degli italiani prova rabbia verso il Servizio sanitario pubblico a causa delle liste d’attesa troppo lunghe o dei casi di malasanità.

Le aggressioni a danno di veterinari che operano controlli sanitari su benessere e  salute animale e sulla sicurezza alimentare, rappresentano la sempre maggiore insofferenza verso lo Stato e le sue regole di sanità pubblica e prevenzione.

La sanità sarà il laboratorio per il passaggio “dal rancore alla speranza del cambiamento” e Regione, Ats, comuni e categorie imprenditoriali devono fare quadrato nella difesa dei veterinari perché solo il loro lavoro consente all’agro alimentare della regione di mantenere aperti i canali commerciali nazionali e internazionali.

Continua a leggere

8 giugno 2018

site created by electrisheeps.com - web design & web marketing

Back to Top