Breaking news

Sei in:

Consiglio regionale. Pettenò (Fsv): nessun taglio ulteriore all’Arpav

Assicurare il mantenimento e il rafforzamento dell’ARPAV come strumento per garantire la sicurezza ambientale e la salute pubblica. Lo chiede il consigliere regionale della Federazione della Sinistra Veneta, Pietrangelo Pettenò, che sulla questione ha presentato un’interrogazione alla Giunta.

Dopo aver ricordato le attività svolte da Arpav nel campo della prevenzione e vigilanza ambientale e della salute pubblica, nonché quelle a supporto della Magistratura, delle Forze dell’ordine e degli Enti locali, l’esponente della FSV sottolinea “la colpevole e irresponsabile gestione dell’ARPAV, che ha prodotto una condizione economica disastrosa. Situazione affrontata con misure drastiche di riduzione della spesa con la conseguente chiusura di alcune sedi, riduzione delle forniture/servizi, taglio delle manutenzioni, limitazione dell’acquisto dl carburante, provvedimenti che hanno determinato pesanti ripercussioni sull’attività e ricadute negative sui lavoratori”. Situazione che si farà sicuramente ancora più drastica con i preventivati tagli del 20% annunciati con il bilancio regionale 2013. Ritenendo inaccettabile l’ulteriore riduzione di risorse per l’Arpav, Pettenò sollecita la Giunta ad assumere adeguate misure per assicurare il mantenimento e il rafforzamento dell’Agenzia come strumento per garantire la sicurezza ambientale e la salute pubblica e di valutare la possibilità di un concorso finanziario di settori diversi di Bilancio per assicurarne le attività non sanitarie.

1 febbraio 2013

 

 

Leave a Reply
 

Your email address will not be published. Required fields are marked (*)

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

site created by electrisheeps.com - web design & web marketing

Back to Top