Breaking news

Sei in:

Corruzione in sanità. Nomine, farmaceutica, forniture, negligenza, sanità privata: ecco dove sono i rischi maggiori

Nomine, farmaceutica, forniture, negligenza, sanità privata. Sono i cinque punti’ deboli della sanità per la corruzione, un fenomeno che assorbe oltre 6 miliardi.

A individuare le aree critiche in cui il fenomeno corruttivo attecchisce di più è uno degli studi presentati questa mattina a Roma, nel corso della «II Assise nazionale sull’etica di sanità pubblica», organizzato da Ispe Sanità (Istituto per la promozione dell’etica in sanità) e Trasparency International con il supporto di Rissc.Dall’analisi realizzata da Lorenzo Segato (Rissc), Davide Del Monte e Maria Teresa Brassiolo di Transparency International, si evidenziano problemi per ciascuna area a rischio. In particolare

Nomine: ingerenza politica, conflitto di interessi, revolving doors, spoil system, insindacabilità, discrezionalità, carenza di competenze.

Farmaceutica: aumento artificioso dei prezzi, brevetti, comparaggio, falsa ricerca scientifica, prescrizioni fasulle, prescrizioni non necessarie, rimborsi fasulli.

Procurement: gare non necessarie, procedure non corrette, gare orientate o cartelli, infiltrazione crimine organizzato, carenza di controlli, false attestazioni di forniture, inadempimenti-irregolarità non rilevate.

Negligenza: liste d’attesa, dirottamento verso sanità privata; false dichiarazioni (intramoenia); omessi versamenti (intramoenia).

Sanità privata: mancata concorrenza, mancato controllo requisiti, ostacoli all’ingresso e scarso turnover, prestazioni inutili, false registrazioni Drg, falso documentale.

Inoltre, secondo il consorzio di ricerca Coripe, ci sono alcuni fattori facilitanti, legati ai conflitti di interessi nell’informazione, che si verificano quando la salute dei pazienti e la verità di ricerca vengono sacrificati a vantaggi personali.

E anche in questo caso ci sono ambiti a rischio, in cui il conflitto d’interesse può inficiare l’operato sanitario più virtuoso: il mercato delle prestazioni sanitarie, dove i professionisti possono influenzare sia la domanda che l’offerta; l’informazione scientifica, visto l’impiego di ingenti capitali per la ricerca provenienti dall’industria privata; le società scientifiche, che definiscono standard di cura e comportamento dei propri iscritti; le associazioni di pazienti, chiamate a partecipare alle decisioni pubbliche, che presentano strutture, composizioni e finanziamenti non sempre chiari.

Il Sole 24 Ore sanità – 17 aprile 2014 

site created by electrisheeps.com - web design & web marketing

Back to Top