Breaking news

Sei in:

Corte dei conti: troppe incertezze e contraddizioni nella lotta all’evasione

Magistratura contabile contro le incertezze e l’attenzione “stop and go” nella guerra più volte dichiarata – ma combattuta spesso di malavoglia – agli evasori fiscali. Chiarissima la posizione della Corte dei conti contenuta nell’ultimo Rapporto 2013 sul coordinamento della finanza pubblica

La lotta all’evasione «continua a essere un elemento centrale e imprescindibile nell’azione di risanamento della finanza pubblica» ma «la strategia adottata dal legislatore nel corso della passata legislatura è stata caratterizzata da andamenti ondivaghi e contraddittori».

Troppe illusioni sul Redditometro, potrebbe favorire il “nero”

Nel mirino anche il Redditometro, strumento sbandierato anche in questi giorni come argine all’evasione, che però «non risolverà il problema», e rischia di creare molte illusioni, perché «il clamore mediatico suscitato dal nuovo meccanismo di ricostruzione sintetica dei redditi appare francamente sproporzionato alle limitate potenzialità dello strumento e alla presumibile efficacia dello stesso». Non solo: il nuovo spesometro potrebbe aver favorito un aumento degli acquisti in nero in quanto la «rilevazione sistematica delle operazioni verso i consumatori finali di importo pari o superiore a 3.600 euro» potrebbe aver «indotto effetti negativi sui consumi o, peggio», potrebbe aver «incrementato la propensione a effettuare acquisti di beni e servizi “in nero”».

In questo scenario, caratterizzato dal «tumultuoso succedersi e affastellarsi di decisioni non sempre coerenti» per il contrasto effettivo dell’evasione fiscale, il Rapporto 2013 – presentato la settimana scorsa al Senato dal presidente della Corte, Luigi Giampaolino – segnala al Legislatore «l’esigenza di un significativo mutamento nella strategia». Più che puntare al recupero delle somme non versate dopo l’evasione, occorre «favorire maggiormente l’emersione spontanea delle basi imponibili e la tempestiva acquisizione delle relative imposte», con il ricorso all’incrocio delle banche dati e affidando «un ruolo attivo» agli enti finanziari coinvolti; come nel caso delle ritenute effettuate all’atto del pagamento delle spese per interventi di ristrutturazione edilizia e per il risparmio energetico.

Il Sole 24 Ore – 3 giugno 2013

Leave a Reply
 

Your email address will not be published. Required fields are marked (*)

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

site created by electrisheeps.com - web design & web marketing

Back to Top