Breaking news

Sei in:

Deficit, Commissione Ue: chiudere procedura d’infrazione. Con raccomandazioni

Mancano due giorni a mercoledì 29, giorno decisivo per la chiusura della procedura di infrazione europea contro l’Italia per deficit eccessivo, ma l’orientamento favorevole della Commissione Ue è già noto.

Le prime indiscrezioni sulla bozza del documento con le “Raccomandazioni” al nostro paese che l’esecutivo comunitario proporrà ai 27 Stati membri danno per certa l’archiviazione, accompagnata dall’invito ad insistere sulla strada del risanamento e del rispetto degli equilibri di bilancio. Sei “raccomandazioni” per non tornare tra i “cattivi” Nella bozza del documento all’attenzione della commissione Ue un elenco in sei capitoli di obiettivi e scelte cui l’Italia dovrà attenersi per non tornare tra i “cattivi”. Per quanto riguarda il “Consolidamento dei conti pubblici”, la raccomandazione è di continuare l’azione di rafforzamento del nostro bilancio statale, mentre sul fronte “Pubblica amministrazione” si dovrà insistere nello sforzo di efficientamento della macchina pubblica per rendere piu’ competitivo il nostro sistema produttivo. La terza raccomandazione riguarda il “Sistema bancario” italiano: anche qui, l’imperativo è renderlo più efficiente e produttivo. Per capitolo “Lavoro”, la richiesta è di proseguire la starda tracciata dalla riforma Fornero, ma dando piu’ spazio alla flessibilità nel mercato del lavoro, anche promuovendo la contrattazione decentrata, da privilegiare rispetto a quella nazionale. Altra priorità, il rilancio della formazione dei lavoratori, che dovrà essere resa piu’ attenta alle reali esigenze del mercato del lavoro. Infine, “Fisco e concorrenza”: la cosa piu’ urgente è la riduzione della pressione fiscale su lavoro e imprese, e una maggiore apertura alla concorrenza del mercato dei servizi. Alle porte una stagione di negoziati con la Ue Con la chiusura della procedura di infrazione, ormai data per scontata, l’Italia rientra dunque tra i paesi europei virtuosi, ma per il Governo si può dire che ora inizia una difficile stagione di negoziati con l’Europa. Si tratta infatti di ampliare i margini di manovra e mettere a punto il piano per il rilancio dell’economia con gli interventi da finanziare da qui a dicembre, a partire dalla proroga dell’ecobonus per l’efficienza energetica che, salvo sorprese, approderà sul tavolo del prossimo Consiglio dei ministri. Le priorità del governo tra investimenti e spesa corrente Le priorità del governo Letta sono molte: dalla sterilizzazione dell’aumento dell’Iva, in calendario a luglio, al pacchetto occupazione (atteso per la fine di giugno) e la riforma dell’Imu, da varare entro agosto. Sul tavolo ci sono circa 12 miliardi di euro, non utilizzabili per finanziare la spesa corrente ma da destinare esclusivamente – queste una delle condizioni del via libera di Bruxelles – ad investimenti produttivi. Dote che non scioglie il nodo delle coperture na dote sostanziosa, resa disponibile grazie all’archiviazione della procedura di infrazione e il cui utilizzo potrà essere posto al di fuori del perimetro del Patto di stabilità ma che lascia irrisolto il nodo delle coperture per le spese non da investimento: 2 miliardi per l’Iva, altri 2 miliardi per la sospensione della prima rata Imu (che salgono a 4 miliardi in caso di abolizione della tassa come chiesto dal Pdl). Poi ci sono altri 80-90 milioni per finanziare la proroga fino al 31 dicembre 2013 della detrazione fiscale del 55% per gli interventi di efficienza energetica e il rifinanziamento dello sgravio del 50% sulle ristrutturazioni edilizie, entrambi in scadenza a giugno.

Il Sole 24 Ore – 27 maggio 2013

Leave a Reply
 

Your email address will not be published. Required fields are marked (*)

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

site created by electrisheeps.com - web design & web marketing

Back to Top