Breaking news

Sei in:

I medici italiani sono tra i più anziani d’Europa: uno su due ha più di 55 anni. La maggioranza di loro sono uomini (55-57%). I dati Ocse

Nel 2020, c’erano circa 1,75 milioni di medici nell’Ue. I numeri complessivi più elevati di medici attivi sono stati registrati nei maggiori Stati membri dell’Unione: Germania (372.000, il 21,2% del totale dell’UE), seguita a una certa distanza da Italia (238.000), Spagna (217.000) e Francia (214.000). Insieme, questi quattro Stati membri rappresentano quasi il 60 % del numero totale di medici attivi nell’UE. Il secondo numero più alto di medici attivi era in Polonia, 90 000 (dati 2017), pari al 5,2% del totale dell’UE. Insomma, l’Italia ha molti medici ma i dati qui di seguito riportati mostrano forti carenze nella medicina di famiglia e un preoccupante dato sull’età dei nostri camici bianchi che sono i più anziani d’Europa.

I medici “generici”
Nel 2020 c’erano circa 454.000 medici generici (GP) in tutta l’UE. Il maggior numero di MMG è stato registrato in Francia (94.000), seguita dalla Germania (85.000), mentre il Portogallo (medici abilitati all’esercizio della professione) e l’Irlanda hanno riportato il maggior numero di MMG per 100.000 abitanti (292,3 e 187,7 per 100.000 abitanti).

L’Italia è a quota 84,7 per i medici generici e 27,9 per i pediatri “generici” per 100.000 abitanti, ma va considerato che nel numero di medici generici Eurostat considera anche i medici di continuità assistenziale, mentre per i pediatri considera anche quelli che in altri Stati non sono necessariamente a carico del bilancio pubblico. Comunque, volendo portare in equilibrio l’Italia con il numero medio di medici generici europei ogni 100mila abitanti, ne mancherebbero quasi 5mila,

La percentuale di medici generici è stata la più alta in Irlanda (54%), Portogallo (53% dei medici autorizzati erano medici generici) e Paesi Bassi (46%). Nel 2020, erano 17 i paesi in cui c’erano più medici specialisti che medici generici; gli Stati membri con il maggior numero di medici specialisti erano la Germania (121 000) e l’Italia (89 000, di cui poco più di 42mila medici di famiglia).

Gli specialisti

Per quanto riguarda gli specialisti in chirurgia, vi erano più specialisti in chirurgia che medici di base in 16 Stati membri. Ancora una volta il numero più alto di specialisti chirurghi è stato segnalato in Germania (103.000) e Italia (59.000), e la Grecia ha riportato il numero più alto per 100.000 abitanti (138,4 per 100.000 abitanti nel 2019). Seguono la Germania (123,6 per 100.000 abitanti) e Cipro (122 per 100.000 per il 2019). Malta è stato l’unico Stato membro a segnalare più chirurghi specialisti (487) che medici specialisti (467) o medici generici (415).

L’età media dei medici
L’Italia ha la quota più alta di medici di età pari o superiore a 55 anni
C’è stato un rapido invecchiamento della forza lavoro (sanitaria) in gran parte dell’UE poiché la generazione del baby boom ha iniziato a raggiungere l’età pensionabile. In 10 Stati membri, la percentuale di medici di età pari o superiore a 55 anni era superiore al 40 %, mentre in Italia e Bulgaria tale percentuale era superiore al 50 % (rispettivamente 56,2 % e 53 %). Nella maggior parte dei restanti Stati membri dell’UE per i quali sono disponibili dati, l’importanza relativa di questa fascia di età nel numero totale di medici era compresa tra il 22 % e il 37 %. Al contrario, la percentuale più alta di medici più giovani (sotto i 35 anni) era a Malta (44,5%), seguita da Romania (34%) e Paesi Bassi (31,4%).

I medici donna
Più di due terzi del numero totale di medici in Lettonia, Estonia, Lituania e Romania erano donne con notevoli differenze tra gli Stati membri dell’UE per quanto riguarda la quota di ciascun sesso sul numero totale di medici. Nell’ultimo decennio, la percentuale complessiva di donne medico è andata gradualmente aumentando. Nel 2018, c’era già una leggera maggioranza di medici donne nell’UE e questa percentuale è aumentata anche negli ultimi 2 anni, dal 50,4% al 51,5%.

Nel 2020, la maggioranza (17) degli Stati membri dell’UE ha riferito di avere un numero maggiore di medici donne (piuttosto che uomini). In Croazia, Slovenia e Finlandia, più del 60 % di tutti i medici erano donne; in Romania e negli Stati membri baltici , questa percentuale è salita a oltre il 70 % , con le percentuali più elevate di dottoresse registrate in Lettonia (74 %) ed Estonia (73 %). Al contrario, la percentuale più alta di medici uomini (64 %) è stata registrata in Lussemburgo, mentre percentuali relativamente elevate di medici uomini sono state registrate anche a Cipro (62 %); Grecia, Malta e Italia (tutti nella fascia del 55-57 %). In Svezia, Austria e Francia la percentuale di medici maschi e femmine era inferiore al 3%, con la Svezia che presentava il divario minore tra i sessi (meno dell’1%).

In Italia il numero di medici donne (circa 109mila nel 2021 secondo i dati Eurostat) era ancora inferiore a quello dei medici uomini (circa 135mila) come, in misura minore, in Austria, Germania, Francia, Belgio e Irlanda e, in misura maggiore, a Malta e in Gracia, Cipro e Lussemburgo.

La formazione
Dal punto di vista della formazione, alcuni Stati membri dell’UE sono preoccupati per la mancanza di offerta in relazione al numero futuro di medici disponibili prevedibile per il loro personale sanitario. Questo ha portato alcuni Paesi a promuovere misure per incoraggiare più studenti a conseguire lauree in medicina.

Nel 2020, si stima che nell’UE si siano laureati 15,9 medici ogni 100.000 abitanti. I rapporti più elevati sono stati registrati in Romania (26,3 per 100.000 abitanti), Malta (26 per 100.000 abitanti) e Irlanda (25,4 per 100.000 abitanti). La maggior parte degli altri Stati membri dell’UE per i quali sono disponibili dati ha registrato rapporti di 10,0-23,0 laureati per 100.000 abitanti, sebbene nessuno studente di medicina si sia laureato in Lussemburgo. Mentre Cipro registrava zero laureati in medicina prima del 2019, nel 2019 aveva 5,1 laureati in medicina ogni 100.000 abitanti.

Un confronto tra il 2010 e il 2020 mostra che il numero di medici laureati per 100.000 abitanti è aumentato in quasi tutti gli Stati membri dell’UE; si noti che in alcuni Stati membri ciò potrebbe aver rispecchiato un calo della popolazione totale rispetto a, o in aggiunta a, un aumento del numero di laureati. In termini relativi, gli incrementi maggiori sono stati registrati in Lettonia, Bulgaria, Romania e Malta. Gli unici Stati membri a segnalare un rapporto inferiore di laureati in medicina per 100.000 abitanti nel 2020 rispetto al 2010 sono stati Austria, Estonia, Germania e Finlandia. In tutti questi Stati membri, ad eccezione dell’Austria, la diminuzione ha rappresentato meno di 1,0 laureati in medicina ogni 100.000 abitanti.

In Italia nel 2020 si sono laureati 18,7 medici ogni 100mila abitanti con un aumento di circa 7-8 laureati ogni 100mila abitanti rispetto al 2010.

I medici nei paesi del G7
Analizzando gli ultimi dati OCSE (Health at a Glance 2022), rispetto ai paesi maggiormente industrializzati e quindi in teoria con maggiori disponibilità e dotazioni tecnologiche e possibilità di investimento, per quanto riguarda il numero di medici ogni 1.000 abitanti l’Italia è seconda dopo la Germania con 4,1 rispetto a 4,5, mentre ultimi nella classifica sono Stati Uniti e Giappone con 2,6.

Rispetto ai laureati, i 18,7 medici ogni 100mila abitanti del 2020 pongono l’Italia prima in classifica rispetto agli altri paesi del G7 seguita al secondo posto dal Regno Unito con 13,1 e ultimo in classifica ancora il Giappone con 7,2.

Rispetto al G7, l’Italia è invece ultima nella classifica della spesa sanitaria, con una spesa procapite complessiva nel 2021 pari a 4.038 dollari di cui 3.052 a carco dello Stato, contro i 12.318 dollari complessivi degli USA di cui 10.052 a carico dello Stato e i 4.666 dollari del Giappone, penultimo nella classifica, di cui 3.889 a carico dello Stato.

20 gennaio 2023

site created by electrisheeps.com - web design & web marketing

Back to Top