Breaking news

Sei in:

Il tentativo di frode scatta già quando l’etichetta mente

Se la data di scadenza sull’etichetta di prodotti alimentari non è corretta, scatta il reato di tentata frode in commercio.

Il caso

Il Tribunale prima e la Corte d’Appello poi condannano un uomo per i reati di messa in commercio e distribuzione di sostanze alimentari in cattivo stato di conservazione (art. 5, lett. B), legge n. 283/1962) e di frode in commercio (art. 515 c.p.). Dall’ispezione nei locali dell’imputato vengono raccolte come prove alcune etichette di prodotti alimentari giacenti nel cestino dei rifiuti recanti una data di scadenza diversa e antecedente apposta sui prodotti, presumibilmente staccata e sostituita con etichette recanti date diverse e posteriori. L’uomo non ci sta e ricorre alla Corte Suprema.

La Cassazione (sentenza 9276/11) precisa che perché scatti il reato è sufficiente aver esposto per il commercio dei prodotti con un’etichetta falsa. Il reato, cioè, si consuma a prescindere dall’effettiva messa in vendita del prodotto e dunque da una concreta contrattazione tra il cliente e l’esercente. Condizione necessaria e sufficiente per integrare gli estremi del tentativo di frode in commercio è che la merce, comunque destinata alla vendita, riporti nelle etichette informazioni non veritiere sull’origine, la provenienza, la qualità, la quantità e la data di scadenza.

Lastampa.it – 5 giugno 2011

Leave a Reply
 

Your email address will not be published. Required fields are marked (*)

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

site created by electrisheeps.com - web design & web marketing

Back to Top