Breaking news

Sei in:

Inps col buco. Indagine interna: 80 milioni mancati incassi

Rinnovi dei contratti di locazione irregolari, mancati incassi per 80 milioni. Ai vertici del-l’Inps è scattato l’allarme.

Un’indagine interna e una lettera di Antonio Ferrara, il magistato della Corte dei conti che vigila sulla correttezza degli atti, rischia di far esplodere uno scandalo intorno all’ente previdenziale proprio mentre si chiedono sacrifici pesantissimi anche ai pensionati con i redditi più bassi. Al centro della bufera c’è la gestione del patrimonio immobiliare ex lnpdai ereditato nel 2002 dall’lnps e fino a qualche anno fa amministrato dall’ex responsabile della direzione del patrimonio Francesco Vari, ora presidente dell’Organismo di valutazione dell’integrità e trasparenza dell’Inps (Oiv). Lo scorso marzo, il cda dell’ente ha disposto un’indagine sull’asser ad una commissione interna che ha appena consegnato la sua relazione finale. Le irregolarità riscontrate sono risultate così inquietanti da indurre il magistrato Ferrara a chiedere al dg Mauro Nori quali provvedimenti intende prendere di fronte alle anomalie denunciate e ad informare la procura regionale della Corte dei conti del Lazio. La vicenda nasce dal contratto sottoscritto dal I’ lnpda i (2002) ed ereditato dal-I’Inps con Rti Pirelli&C, Romeo spa e Sovigcst perla gestione degli immobili, la manutenzione dei palazzi sparsi in tutta Italia e la riscossione degli affitti. Il contratto prevedeva una scadenza biennale (2004) e la possibilità di rinnovi annuali per un massima di tre anni. Rinnovi che arrivano puntualmente. Al terzo colpo, nel 2006, addirittura per un quadriennio. Il tutto, dice la commissione, anche in violazione alla normativa che vietava rinnovi dei contratti delle pubbliche amministrazioni in maniera tacita (è questo il caso) e non motivati da ragioni di convenienza (pure queste non accertate). Altra violazione, quella relativa alle nuove disposizioni del maggio 2005 che, per i contratti già scaduti o che venivano a scadenza nei sci mesi successivi all’entrata in vigore della nuova legge (10 agosto 200.5), stabilivano che potevano essere prorogati per un massimo di sei mesi per il tempo necessario alla stipula dei nuovi, ma con gare ad evidenza pubblica. Alla commissione risulta invece che non è stata bandita alcuna gara », mentre i contratti sono stati prorogati oltre i termini fissati. Infine, il capitolo dei danni subiti dal-I’lnps. A leggere la relazione si ha la l’impressione di trovarsi di fronte a un vero regalo a Pirelli, Romeo e Sovigest. Soprattutto per la parte commerciale del patrimonio. Secondo gli accordi, le tre società hanno corrisposto all’Inps solo un minimo garantito, complessivamente 7 milioni 308 mila curo l’anno, a fronte di incassi ben pile ricchi e che nel periodo 2003-2010 hanno portato alle tre società riscossioni di quasi 81 milioni di curo superiori ai canoni riconosciuti all’Inps. Una circostanza stigmatizzata da Ferrara anche perché, inaspettatamente e senza alcuna giustificazione, a partire dal 2003, nella delicata partita della manutenzione del patrimonio vengono trasferiti a carico dell’istituto anche i costi per contratto fino ad allora sostenuti dalle società affidatane. Un autentico scandalo», dice Luigi Romagnoli, coordinatore nazionale dell’Usb (Unione sindacale di base) dell’In ps: E un regalo ai tre gestori privati: chiediamo a questo punto che vengano puniti i responsabili di questo andazzo, a cominciare da Vari, sotto la cui gestione si sono consumate le irregolarità»

 27gennaio 2012

Leave a Reply
 

Your email address will not be published. Required fields are marked (*)

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

site created by electrisheeps.com - web design & web marketing

Back to Top