Breaking news

Sei in:

Lactalis deposita in Consob il prospetto di Opa su Parmalat

Lactalis ha depositato in Consob il prospetto dell’Opa su Parmalat. Dal giorno del deposito l’Authority ha 15 giorni a disposizione per approvare il documento o chiedere eventuali integrazioni

Lactalis ha depositato in Consob il prospetto dell’Opa su Parmalat annunciata martedì dai francesi. Dal giorno del deposito l’Authority ha 15 giorni di calendario a disposizione per approvare il documento ed, eventualmente, chiedere ulteriori integrazioni. Almeno un giorno prima che parta l’offerta, il cda di Parmalat dovrà riunirsi per valutare la congruità del prezzo fissato (2,6 euro per azione).

La documentazione – precisa la nota – è stata depositata «in qualità di offerente» da Sofil, la società di diritto francese che fa interamente capo alla famiglia Besnier (il 65% di Sofil è detenuto da Crg e il restante 35% dal gruppo Lactalis: entrambe sono a loro volta riconducibili a Bsa, la holding dei tre fratelli Besnier controllata indirettamente dal numero uno di Lactalis Emmanuel). A questo punto la Consob, come previsto dal testo unico sulla finanza, ha quindici giorni di tempo per rendere nota la sua decisione.

L’agenzia Dire: ecco la cordata italiana, offerta in settimana

Una cordata italiana da 4,5 miliardi di euro per provare a contrastare l’Opa lanciata di Lactalis su Parmalat per un valore di circa 3,3 miliardi. La risposta italiana all’offerta transalpina sarebbe pronta. A quanto si apprende da fonti parlamentari di maggioranza, la cordata sarebbe capitanata da intesa sanpaolo e la cifra da investire si aggirerebbe intorno ai 4,5 miliardi di euro. l’operazione, sempre a quanto si apprende, dovrebbe essere ufficializzata la prossima settimana, dopo un cda straordinario del gruppo guidato da Corrado Passera.

Martedì, mentre era in corso il vertice italo-francese a Villa Madama, Berlusconi definì «singolare» il tempismo con cui lactalis aveva formalizzato l’Opa su Parmalat. Poi, in conferenza stampa, con al fianco Nicolas Sarkozy, aveva auspicato: «La strada da seguire ci sembra quella di dare vita a grandi gruppi internazionali franco-italiani e italo-francesi e ci auguriamo che imprenditori italiani possano avanzare delle proposte, che si possa magari non portare a termine l’Opa ma stabilire un accordo di partecipazione italiana insieme a Lactalis». Parole condivise da Sarkozy: «Non c’è motivo di farci la guerra. Uniamoci – aveva detto il presidente francese – per creare grandi gruppi, ne abbiamo bisogno entrambi», tornerà anche «a vantaggio dell’Italia».

Intesa Sanpaolo smentisce al Sole 24 Ore: per noi partita chiusa

Ora l’operazione finora trainata da Intesa Sanpaolo (che ricorda quella voluta da Palazzo Chigi per salvare l’Alitalia tre anni fa, in piena campagna elettorale per le politiche 2008) andrebbe avanti e sarebbe sul punto di sfidare i francesi di Lactalis. Le stesse fonti, inoltre, escludono al momento la partecipazione dei gruppi Ferrero e Granarolo. Tra i nuovi “capitani coraggiosi” ci sarebbero invece Generali e Geox. «Non so di nessuna cordata», ha però tagliato corto il group-ceo di Generali Giovanni Perissinotto al termine del cda del Leone. Anche Intesa Sanpaolo, contattata dal Sole 24 Ore, ha smentito (in seconda battuta anche all’agenzia Ansa) l’esistenza di una cordata, facendo capire che per la banca guidata da Corrado Passera la partita Parmalat sarebbe addirittura chiusa

Ilsole24ore.com – 29-30 aprile 2011

Leave a Reply
 

Your email address will not be published. Required fields are marked (*)

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

site created by electrisheeps.com - web design & web marketing

Back to Top