Breaking news

Sei in:

L’Istat conferma la fine recessione: Pil +0,3% nel primo trimestre, al rialzo il dato annuo (+0,1%). Stallo consumi, ma investimenti in ripresa

Italia fuori dalla recessione: nel primo trimestre 2015 il Pil è tornato a crescere, con un aumento dello 0,3% rispetto all’ultimo trimestre 2014. Lo rileva l’Istat, confermando le stime del 13 maggio sul dato congiunturale. Si tratta del rialzo maggiore da 4 anni. Nel primo trimestre del 2015 il Pil è salito invece dello 0,1% su base annua. In questo caso l’Istat ha rivisto al rialzo il dato tendenziale precedentemente stimato (variazione nulla).

È il primo segno più in termini tendenziali dopo 13 trimestri. Il primo trimestre del 2015, precisa l’Istituto, ha avuto una giornata lavorativa in meno del trimestre precedente e lo stesso numero di giornate lavorative rispetto al primo trimestre del 2014.

Il livello del Prodotto interno lordo resta comunque, spiegano i tecnici dell’Istat, «intorno ai livelli di inizio 2000». Quanto alla crescita acquisita del Pil per il 2015, quella che si otterrebbe cioè in presenza di una variazione congiunturale nulla nei restanti trimestri dell’anno, risulta pari allo 0,2%.

Stallo consumi, ma investimenti in ripresa

A inizio 2015 la spesa delle famiglie è tornata in calo su base congiunturale, seppure lieve (-0,1%), dopo un ultimo periodo in cui aveva mostrato segnali di recupero. L’Istat invece ha registrato un deciso aumento per gli investimenti fissi lordi, aumentati dell’1,5% rispetto al trimestre precedente, tanto che il dato tendenziale presenta il miglior risultato da quattro anni (+0,4%). Dal lato degli scambi con l’estero, aggiunge, le importazioni sono aumentate (1,4%) e le esportazioni sono rimaste stazionarie. Nel dettaglio, la domanda nazionale al netto delle scorte ha contribuito positivamente alla crescita del Pil per 0,2 punti percentuali (+0,3 punti gli investimenti fissi lordi, -0,1 i consumi delle famiglie e delle Istituzioni Sociali Private e un contributo nullo della spesa della Pa). La variazione delle scorte ha fornito un apporto positivo di 0,5 punti percentuali. Per contro, il contributo della domanda estera netta e’ stato negativo per 0,4 punti.

Boom agricoltura a inizio 2015

Da segnalare che l’agricoltura ha iniziato il 2015 segnando un aumento significativo del valore aggiunto, cresciuto del 6,0% nel primo trimestre rispetto all’ultimo del 2014, quando aveva segnato una caduta del 4,3%. Lo ha comunicato l’Istat che ha registrato dati positivi anche per l’industria in senso stretto (+0,6%) e per le costruzioni (+0,5%), mentre è stata rilevata una variazione congiunturale nulla nel settore sei servizi.

Il Sole 24 Ore – 29 maggio 2015

Leave a Reply
 

Your email address will not be published. Required fields are marked (*)

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

site created by electrisheeps.com - web design & web marketing

Back to Top