Breaking news

Sei in:

Macellazione senza stordimento, la Commissione Ue risponde a due interrogazioni parlamentari. Il difficile equilibrio tra il benessere degli animali e il diritto alla libertà di religione.

Di seguito due interrogazioni parlamentari sul benessere degli animali alla macellazione, in particolare focalizzate sul tema della macellazione rituale senza abbattimento. In entrambe viene citata sia la sentenza della Corte di Giustizia europea più recente sul tema.

Oggetto: Benessere animale

Interrogazione con richiesta di risposta scritta alla Commissione
regola 138
Guido Reil (ID) 15 settembre 2020

Nella regione belga delle Fiandre, la macellazione di ovini senza stordimento è stata vietata dall’inizio del 2019. Nel 2020 è stata estesa ai bovini.

La Federazione dei Veterinari ritiene che il divieto sia l’unico modo per proteggere entrambe le specie dalla sofferenza a lungo termine.

Tuttavia, il 10 settembre 2020, l’avvocato generale della CGUE ha dichiarato che il divieto era in violazione del diritto dell’UE e in particolare della libertà di religione.

1. È la Commissione a conoscenza del fatto che l’inizio della morte può durare fino a due minuti con gli ovini e fino a sei minuti con i bovini quando vengono macellati senza stordimento?

2. Ritiene la Commissione che lo stordimento obbligatorio degli animali prima della macellazione sia il risultato di motivi antireligiosi o xenofobi?

3. Come concilia la Commissione il divieto del divieto con il benessere degli animali da essa sostenuto?

Risposta data da Kyriakides a nome della Commissione europea (10 novembre 2020)

1. La Commissione è consapevole del fatto che gli animali non perdono conoscenza istantaneamente dopo il taglio quando vengono macellati senza stordimento. I dati scientifici mostrano che il periodo di tempo necessario per la perdita di coscienza degli animali dopo il taglio dipende dalla specie e da ogni individuo.

2 e 3. La Commissione non si pronuncia sui casi attualmente all’esame della Corte di giustizia dell’Unione europea.

Oggetto: Macellazione rituale senza stordimento

Interrogazione con richiesta di risposta scritta E-005279/2020 alla Commissione
Regola 138
Aurelia Beigneux (ID), Catherine Griset (ID), Annika Bruna (ID)
28 settembre 2020

Sebbene crudele per gli animali, la richiesta di carne macellata con rito religioso è aumentata alle stelle di recente. Gli animali vengono macellati senza previo stordimento legalmente obbligatorio. Sono costretti a sopportare lunghi minuti di agonia quando vengono prima riattaccati, poi tagliati alla gola e infine spellati vivi.

L’UE è inequivocabile su questo punto: l’uccisione di animali nei macelli è regolamentata per limitarne le sofferenze. Purtroppo, questa non è altro che una finzione conveniente. In realtà, l’UE sta cedendo alle richieste settarie e ha concesso un’esenzione per i riti religiosi.

La Corte di giustizia dell’avvocato generale dell’UE ha affermato che la legge fiamminga che vieta la macellazione di animali senza stordimento, compresi quelli soggetti a particolari metodi di macellazione prescritti da riti religiosi, non è consentita dal diritto dell’UE. L’Unione europea calpesta allegramente la volontà dei popoli europei di proteggere gli animali.

Come in molti settori, questa decisione illustra l’ipocrisia delle istituzioni europee.

Alcuni paesi musulmani (Giordania e Indonesia) accettano che gli animali debbano essere storditi prima della macellazione, ma l’Unione europea si accontenta di opporsi sulla carta mentre si inchina agli interessi settari.

La Commissione vede il benessere degli animali come una questione a geometria variabile?

Answer given by Ms Kyriakides on behalf of the European Commission (18 novembre 2020)

L’articolo 13 del trattato sul funzionamento dell’Unione europea sottolinea l’importanza di tenere pienamente conto dei requisiti di benessere degli animali nelle specifiche politiche dell’UE.

Allo stesso tempo, sottolinea la necessità di rispettare le disposizioni e gli usi nazionali riguardanti, tra l’altro, i riti religiosi. Inoltre, l’articolo 10 della Carta dei diritti fondamentali dell’Unione europea garantisce il diritto alla libertà di pensiero, coscienza e religione.

In questo contesto, la Commissione ritiene che le attuali disposizioni relative alla protezione degli animali durante l’abbattimento raggiungano il giusto equilibrio tra il benessere degli animali e il diritto alla libertà di religione.

La Commissione non commenta casi pendenti dinanzi alla Corte di giustizia dell’Unione europea.

 

Fonte: Parlamento europeo

site created by electrisheeps.com - web design & web marketing

Back to Top