Breaking news

Sei in:

Non dare le ali al virus della Peste suina africana. Gli elementi che hanno determinato un aumento del rischio di ingresso di malattie veicolate dalla carne suina e le misure di prevenzione

Tra gli elementi che hanno determinato un aumento del rischio di ingresso di malattie veicolate dalla carne suina, troviamo:

  • La globalizzazione: C’è una grande quantità di movimento di merci e persone. Molte di queste persone spostano prodotti a base di carne tra le aree per il proprio consumo o la vendita, prodotti che a volte provengono da stabilimenti non controllati, il che rappresenta un rischio crescente per la popolazione animale.
  • Aumento della presenza di alcune malattie. Un chiaro esempio è la peste suina africana (PSA) che si è diffusa inarrestabilmente in diversi paesi. Ciò aumenta la probabilità che la carne di animali infettati da questo virus entri nella filiera di consumo.
  • Maggiore presenza di cinghiali. Le popolazioni di cinghiali e suini selvatici sono aumentate in modo significativo in molte aree. Inoltre, in molte occasioni si sono abituati a recarsi in aree dove possono accedere a resti di cibo umano (cassonetti dei rifiuti, aree di sosta autostradali, ecc…).
Espansione della PSA

Ci sono diversi protagonisti all’interno dell’espansione globale della PSA. La malattia progredisce in base a come il virus si diffonde tra la popolazione di cinghiali. In Questo Articolo vi abbiamo già detto che in Polonia si stima che, in condizioni normali, la PSA si diffonda tra i cinghiali ad una velocità di 3-5 km/mese. Pertanto, quando vediamo un focolaio situato a più di 250 km dalle regioni precedentemente colpite, viene attribuito all’attività umana. Abbiamo diversi casi di “salti” di oltre 250 km da aree precedentemente infette da PSA, come i recenti casi di arrivo della PSA nella Repubblica Dominicana, in Italia, in Belgio e nell’area della Bassa Sassonia in Germania.

All’interno di questi “salti” del virus, la trasmissione dovuta all’ingestione di resti di carne suina infetta gioca un ruolo significativo, anche se è molto difficile da dimostrare o quantificare.

Carne suina e PSA

Quando non vi è alcuna compensazione finanziaria, si sospetta che gli allevatori vendano i loro animali o i loro prodotti per ridurre le loro perdite economiche prima che la malattia sia confermata (FAO, 2013). In questi casi, i suini infetti dalla PSA vengono macellati ed entrano nella filiera del consumo.

Il ruolo svolto dall’ingestione di carni suine infette dal virus della PSA nella diffusione della malattia nei suini e nei cinghiali è noto da tempo, ne è un classico esempio l’ingresso della PSA nella Penisola Iberica nel 1957. attraverso l’alimentazione dei suini con residui alimentari del catering di un aereo africano, come ci ha ricordato JM Sánchez-Vizcaíno in Questo Articolo.

Il virus della PSA può rimanere vitale nella carne e nei sottoprodotti della carne per lunghi periodi di tempo, facilitando la diffusione della malattia mangiando carne di animali infetti.

Grafico 1. Sopravvivenza del virus della PSA in diversi prodotti a base di carne. I virus possono sopravvivere a lungo nei tessuti o negli organi, anche se le alte temperature ne favoriscono l'eliminazione. Liu et al. 2021
Grafico 1. Sopravvivenza del virus della PSA in diversi prodotti a base di carne. I virus possono sopravvivere a lungo nei tessuti o negli organi, anche se le alte temperature ne favoriscono l’eliminazione. Liu et al. 2021
Dovremmo preoccuparci solo della PSA?

A causa della sua espansione, il rischio di introdurre la PSA è molto reale, ma non possiamo dimenticare che anche altre malattie con implicazioni economiche e sanitarie molto gravi vengono trasmesse attraverso l’accesso di suini/cinghiali a carni infette.

Grafico 1. Sopravvivenza del virus della PSA in diversi prodotti a base di carne. I virus possono sopravvivere a lungo nei tessuti o negli organi, anche se le alte temperature ne favoriscono l'eliminazione. Liu et al. 2021
Grafico 1. Sopravvivenza del virus della PSA in diversi prodotti a base di carne. I virus possono sopravvivere a lungo nei tessuti o negli organi, anche se le alte temperature ne favoriscono l’eliminazione. Liu et al. 2021

L’epidemia di Afta epizootica che venne rilevata nel 2001 nel Regno Unito ha causato la macellazione di oltre 6 milioni di animali tra suini, bovini e pecore, generando innumerevoli perdite economiche dirette e indirette. È stato stabilito che l’origine del focolaio è avvenuta in un allevamento che alimentava i propri suini con resti di cibo umano senza dar loro il trattamento corretto.

Evitare l’accesso di suini e cinghiali ai prodotti a base di carne ci proteggerà da tutte queste malattie che rimangono vitali in questo tipo di materiale.

Misure di prevenzione

L’ingresso di qualsiasi tipo di carne suina nelle aree in cui sono stabulati i suini deve essere severamente vietato.

È particolarmente importante informare i lavoratori stranieri o i trasportatori provenienti da paesi in cui sono state rilevate malattie come la PSA, che si trasmettono attraverso la carne suina.

Gli allevamenti devono disporre di un’area destinata alla ristorazione dei dipendenti. I rifiuti in quest’area devono essere rimossi senza che nessun animale possa accedervi.

Mangiare al di fuori dell’area autorizzata deve essere severamente vietato.

È importante che vengano implementate campagne, come questa dell’OIE, sull’importanza di:

  • Non portare prodotti a base di carne da altri paesi.
  • Non dare da mangiare agli animali selvatici
  • Evitare l’accesso di suini domestici e selvatici ai resti del cibo umano.

ASF awareness ESP

Redazione 333

site created by electrisheeps.com - web design & web marketing

Back to Top