Breaking news

Sei in:

Peste suina, salgono a 73 le positività accertate. Tratti di recinzione per il contenimento della zona infetta. Il commissario Ferrari: il virus si sta diffondendo a Est e a Ovest. Spesa stimata 3 milioni di euro

La Stampa. La peste suina africana sta superando il confine delle autostrade, per cui l’installazione della recinzione anti Psa, 270 chilometri, sulla carta, tra Liguria e Piemonte, partirà dalle due aree più critiche, Arquata Scrivia e Ovada-Molare. Entro fine mese si auspica di avere il progetto. Intanto sono saliti a 73 i casi di positività, 41 per positività in Piemonte, 32 per positività in Liguria.

Gli ultimi due casi sono stati riscontrati in provincia di Genova, nel comune di Rossiglione (nono caso) e in quello di Campo Ligure (quinto caso).

Lo ha annunciato il commissario straordinario all’emergenza Psa, Angelo Ferrari, al termine del convegno che si svolto a palazzo Monferrato, ad Alessandria. «La recinzione – ha spiegato – sarà flessibile, nel senso che sarà installata nelle aree più critiche all’interno della zona rossa tra le autostrade A26 e A7. Si partirà da Ovada e Arquata perché il virus si sta diffondendo a Est e a Ovest. In particolare, numerosi casi di carcasse positive sono state scoperte oltre il perimetro della A26 nell’Ovadese».

L’autostrada, in questo, non ha svolto la sua funzione naturale di barriera che sta svolgendo altrove. «Con Autostrade per l’Italia (Aspi) – ha detto ancora Ferrari – abbiamo concordato di rafforzare vari tratti con recinzioni che la società sta già installando, come lungo la bretella Predosa-Bettole. Ad Aspi ho chiesto di installare le barriere sotto i viadotti».

Oltre al rafforzamento della barriera, uno degli interventi per fermare la diffusione del virus riguarda l’abbattimento dei cinghiali. La Regione ha avviato le operazioni con l’uso di gabbie e caccia di selezione. «Il problema – ha spiegato Marco Protopapa, assessore regionale all’Agricoltura – è che mancano i cacciatori e il personale, volontario, per eseguire sia gli abbattimenti e il controllo delle gabbie sia il monitoraggio delle carcasse. In Repubblica Ceca queste figure per l’emergenza Psa erano state pagate. Per questo ho chiesto risorse al governo, altrimenti da Roma dovranno mandare l’esercito».

La recinzione anti Psa richiesta dalla commissione Europea, nei programmi del commissario Ferrari, dovrebbe essere pronta entro giugno per Arquata e Ovada e poi si valuterà zona per zona.

La spesa stimata per l’intera barriera è di 3 milioni di euro. «A breve sarà emanata un’ordinanza che, accanto alle azioni per fermare la diffusione del virus, dovrebbe prevedere aperture per l’outdoor».

site created by electrisheeps.com - web design & web marketing

Back to Top