Breaking news

Sei in:

Primo caso confermato di gatto Covid-19 positivo in Catalogna. Dopo le segnalazioni in Cina, Hong Kong, Belgio, Francia, Usa, ora è la volta della Spagna

I ricercatori del Centro di ricerca sulla salute degli animali catalana (CReSA) di Barcellona , hanno rilevato il primo gatto infetto dal coronavirus spagnolo, il sesto al mondo. Il gatto, chiamato “Negrito” e che è già morto, viveva con una famiglia di diverse persone colpite da COVID-19 e soffriva di malattie cardiache.  “Negrito” è stato ricoverato in un ospedale veterinario con gravi difficoltà respiratorie, una temperatura rettale di 38,2 gradi, un livello molto basso di piastrine e insufficienza cardiaca;  si è proceduto alla sua eutanasia date le condizioni cliniche.  Successivamente, è stato trasferito al CReSA, dove ha subito un’autopsia, poiché in questo centro è presente un’unità di biocontenimento di livello 3 adatta a lavorare con coronavirus in biosicurezza.  La necropsia ha rivelato che il gatto presentava cardiomiopatia ipertrofica felina, generalmente di origine genetica, e che le cause dell’insufficienza cardiorespiratoria acuta erano edema, congestione polmonare ed emorragia. Inoltre, è stato rilevato materiale genomico SARS-CoV-2 (RNA) in campioni prelevati dal naso e dal linfonodo mesenterico (che drena l’intestino), sebbene con una bassa carica virale. Il collega veterinario che ha svolto l’autopsia ritiene che nessuna delle lesioni presentate dall’animale fosse riconducibile ad un’infezione da virus e che il riscontro di positività a COVID-19 “fosse casuale e non fosse correlato ai sintomi clinici per i quali si è deciso di procedere all’eutanasia”.   Questo ricercatore ha indicato che tutti i casi noti di gatti infetti dal coronavirus avevano un denominatore comune, ovvero appartenevano a nuclei familiari con pazienti COVID-19.  Ha aggiunto che questo caso era speciale, perché “sapevamo che (il gatto) era in un ambiente con persone con COVID-19 e che avrebbe potuto essere esposto al virus. Aveva sintomi clinici molto gravi e volevamo vedere se era associato all’infezione virale e abbiamo scoperto che non lo era ”, ha spiegato.  I ricercatori raccomandano, come sostenuto dall’Organizzazione mondiale per la salute animale (OIE), che le persone infettate dal virus e gli animali domestici a casa adottino misure igieniche di base, come lavarsi le mani prima e dopo il contatto con animali o manipola il tuo cibo o le tue cose, oltre a evitare di baciarti.  “Se possibile, il più raccomandato è evitare il contatto diretto”, hanno raccomandato dal CReSA, il centro dell’Istituto di ricerca e tecnologia agroalimentare (IRTA), collegato al Dipartimento di Agricoltura, Allevamento, Pesca e Alimenti della Generalitat della Catalogna . Sintomi come febbre, tosse, respiro corto, starnuti, vomito, diarrea o letargia sono segni clinici potenzialmente compatibili di animali con infezioni da COVID-19, quindi i ricercatori raccomandano che, nel caso Nel dubbio, è meglio consultare un veterinario. Quanto riferito dai colleghi spagnoli tuttavia pone l’attenzione sulle precauzioni da prendere da parte dei medici veterinari a livello ambulatoriale/clinico come procedure di biosicurezza, e utilizzo di dispositivi di protezione individuale nell’esame clinico/autoptico di animali “sospetti” COVID-19, sulla base delle recenti definizioni dell’OIE in materia. La presenza di genoma virale a livello mesenteriale è stata recentemente riportata in sede autoptica umana. L’OMS e il CDCD hanno rilasciato apposite linee guida per l’esame autoptico in casi di COVID-19 umani, che possono trovare applicazione anche in contesto veterinario.

Tratto da:

https://www.huffingtonpost.es/entry/gato-coronavirus-espana_es_5eb52df0c5b62d0addad2ea6

site created by electrisheeps.com - web design & web marketing

Back to Top