Breaking news

Sei in:

Professionisti, le società non decollano. Solo dieci le compagini nei primi sei mesi di applicazione delle norme sulle Stp

Bastano le dita delle due mani a contare le società tra professionisti create dal 22 aprile scorso all’inizio di ottobre. Sono appena dieci, infatti, le Stp iscritte al Registro delle imprese da quando sono operative le regole della nuova compagine societaria, introdotta, con l’obiettivo di liberalizzare il mercato, dal Governo Monti (legge 183/2011) e poi attuata dal Dm 34/2013.

Numeri bassi che scontano, innanzitutto, gli effetti della crisi, che sta mettendo in difficoltà anche gli iscritti agli Ordini, e poi le incertezze della disciplina.

Avvio lento

I dieci gruppi di professionisti “coraggiosi” che hanno dato alla propria attività la veste della Stp sono medici (2 società), dentisti (3), commercialisti e consulenti d’impresa (3), avvocati (2). Gli altri 116 soggetti iscritti nel Registro imprese con la qualifica di Stp sono in realtà “vecchie” società fra avvocati, una forma giuridica regolata dal 2001.

La forma societaria è sembrata la più adeguata a Pierino Postacchini, dottore commercialista e revisore contabile, e agli altri sette soci dello studio «Bernardini, Postacchini e associati» di Fermo, attivo nella consulenza aziendale, societaria, tributaria e del lavoro, con 5 sedi nelle Marche. «Dal 2010 – spiega Postacchini – dobbiamo confrontarci con i big della revisione, da Deloitte a Kpmg. Con una Stp multidisciplinare pensiamo di poter rispondere meglio alla concorrenza». La partnership con un socio di capitale, che secondo le regole della Stp può controllare fino al 33% della società, è una strada che nessuno ha ancora percorso: «Se amplieremo la clientela – prosegue Postacchini – e il numero di sedi, potremo valutare di aprire a un socio finanziatore». Ma in generale, la crisi rende complesso trovare investitori.

Le incertezze

Atenere bassi i numeri delle Stp ha contribuito il fatto che le regole siano, per alcuni versi, ancora incerte. A partire dal regime fiscale da applicare al reddito prodotto: deve essere considerato reddito d’impresa (comeavviene nelle società) o di lavoro autonomo (come accade per i professionisti)? A indicare la strada èil Ddlsullesemplificazioni, precisando che alle Stp si applicano le regole valide per le associazioni professionali: il reddito sarebbe di lavoro autonomo. Ma il Ddl, approvato dal Consiglio dei ministri a luglio, è all’esame del Senato. E nei fatti, chi avvia una Stp non sa come dovrà fare la dichiarazione dei redditi. Inoltre, questi dubbi rendonoincertoanche il versamento dei contributi previdenziali.

Gli Ordini suggeriscono dunque cautela ai propri iscritti, come ammette il presidente degli architetti Leopoldo Freyrie che, con gli altri rappresentanti delle professioni tecniche, ha spinto per il debutto delle regole sulle società: «Ai tre professionisti che hanno chiesto l’iscrizione all’Albo di una Stp, abbiamo suggerito di aspettare che siano completate le regole. Dove e come versare i contributi – continua – non è un dettaglio, se si vuole evitare che i professionisti perdano gli importi versati in modo sbagliato».

A frenare le Stp c’è anche la burocrazia incerta di un sistema all’esordio. Le nuove società devono iscriversi a Ordini e Camere di commercio, che in questi mesi hanno dovuto organizzarsi per attivare le procedure.

Disciplina da migliorare

Per dare più appeal alle Stp, secondo le categorie, bisogna rimettere mano alle regole. Intanto, secondo Armando Zambrano, presidente degli ingegneri e della Rete delle professioni tecniche, è necessario eliminare il divieto di partecipare a più di una società, particolarmente penalizzante per le professioni tecniche. Epoi bisogna uniformare le regole tra le Stp e le società di ingegneria, regolate dal 2006, che oggi sonocirca 10mila. «I campi di attività possono essere molto simili – spiega –, ma alle società di ingegneria, per esempio, non è richiesta l’iscrizione all’Ordine, né sono imposti limiti alla partecipazione del socio di capitale».

Differenze da cancellare anche secondo Andrea Sisti, presidente dei dottori agronomi e forestali: «Chiederemo alle società di ingegneria ambientale esistenti di iscriversi all’albo», annuncia. Ma Sisti guarda già oltre le Stp: «Oggi – osserva – i costi dell’organizzazione sono una barriera e i soci finanziatori non ci sono. Occorre disciplinare invece le reti tra professionisti: uno strumento agile che permette ai singoli di lavorare insieme e aggredire nuovi mercati».

Il Sole 24 Ore – 21 ottobre 2013 

site created by electrisheeps.com - web design & web marketing

Back to Top