Breaking news

Sei in:

Ricerca e sviluppo. In Europa investimenti privati in stallo e quelli pubblici calano dell’1%

È la prima volta che in Europa si registra uno stallo negli investimenti del settore privato, che nel 2011 si sono attestati a 29 miliardi, mentre quelli pubblici sono scesi a 18 miliardi di euro. In totale gli investimenti in R&S in ambito sanitario sono stati 47 mld. I dati nel rapporto della Janssen Pharmaceutica NV.

Dopo decenni di continua crescita, gli investimenti in Ricerca & Sviluppo in ambito sanitario in Europa si sono fermati. Ma se per gli investimenti privati si tratta di uno stallo, per quelli pubblici il segno è addirittura negativo, anche se solo dell’1% per il momento. A rilevarlo è un rapporto commissionato da Janssen Pharmaceutica NV e realizzato dal team di esperti in economia sanitaria di Deloitte.

Nel 2011 gli investimenti complessivi in R&S in ambito sanitario nell’Unione Europea sono stati di 47 miliardi di euro, di cui il 60% sostenuti dalle aziende farmaceutiche e il restante 40% dal settore pubblico degli Stati membri e dalla Commissione Europea. Il dato corrisponde al 3% del totale della spesa sanitaria nella UE che complessivamente ammonta a  1.400 miliardi di euro (1,4 trilioni di  euro).

Per la prima volta, come accenato, si registra uno stallo negli investimenti del settore privato, che si sono attestati a 29 miliardi di euro, mentre quelli pubblici sono scesi dell’1% rispetto al 2010, fermandosi a 18 miliardi di euro. Gli investimenti pubblici comprendono quelli per la ricerca universitaria e i fondi pubblici per la ricerca.

Negli Stati Uniti gli investimenti in R&S in questo ambito hanno registrato un calo ancor più sensibile, ma si mantengono a un livello piuttosto elevato con 49 miliardi di euro da parte del settore privato e 42 miliardi da quello pubblico.

In Europa, la Germania si colloca al primo posto con 9,4 miliardi di euro di investimenti in R&S in ambito sanitario, seguita da Francia (8,3 miliardi di euro), Regno Unito (7,4 miliardi di euro), Svizzera (5,3 miliardi di euro) e Italia (2,4 miliardi di euro).

Secondo il Rapporto, il calo degli investimenti è dovuto all’attuale situazione economica a cui si sommano l’incertezza sul futuro e la restrizione di meccanismi premianti per le tecnologie innovative. “Sono dati – spiegano i promotori del Rapporto – che destano preoccupazione negli esperti, soprattutto se si considera il crescente peso delle diverse patologie, l’allungamento della vita media, ed il fatto che ci sono milioni di pazienti che, in assenza di nuovi rimedi terapeutici, non possono prevedere un miglioramento della propria qualità di vita”.

 “La ricerca si concentra soprattutto nei confronti di farmaci che possano rappresentare per i pazienti  una vera novità  terapeutica nell’approccio di una malattia, dove i benefici che ne derivano superano sempre i costi per la società”, ha commentato Jane Griffiths, Presidente, Janssen EMEA (Europa Medio Oriente Africa). “Le innovazioni degli anni passati, oggi hanno un prezzo accessibile e sono disponibili per tutti. Ma prima di arrivare a questo punto, i nuovi farmaci vanno scoperti e sviluppati. I rischi  elevati dell’innovazione farmaceutica – continua Jane Griffiths – sono sostenibili solo se questi sforzi sono adeguatamente ed equamente premiati. Tutti ne traggono beneficio: i pazienti, la società nel suo complesso e l’industria. Non ci possiamo permettere di non innovare”.

In Europa si prevede entro il 2030 una crescita dei costi sanitari sino al 12-15% del PIL.

Il Rapporto si conclude indicando come in un contesto di spesa sanitaria crescente si rende ancor più necessario aumentare gli investimenti in R&S. “Le nuove tecnologie, infatti – spiegano i promotori del Rapporto -, migliorando la qualità delle prestazioni sanitarie, consentono di ottenere esiti migliori e di aumentare l’aspettativa di vita. Consentono, inoltre, di incrementare l’efficienza, in quanto il loro costo, sia per quanto riguarda i farmaci che i dispositivi medici, tende ad essere ottimizzato nel tempo”.

Per i promotori del Rapporto, inoltre, “una salute migliore comporta anche maggiore produttività della popolazione attiva e può persino portare a un allungamento dell’età lavorativa. Gli investimenti in R&S, inoltre, possono avere un ritorno economico elevato sia in termini di redditività dell’investimento (ROI), che in quelli della messa in campo di operatori altamente qualificati, con alto livello di formazione”.

8 ottobre 2013

Leave a Reply
 

Your email address will not be published. Required fields are marked (*)

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

site created by electrisheeps.com - web design & web marketing

Back to Top