Breaking news

Sei in:

Riforma fiscale mercoledì in Cdm insieme al decreto crescita

La riforma del fisco va verso un nuovo passaggio in Consiglio dei ministri già in settimana. La delega già approvata dal Governo lo scorso 16 aprile e poi mai approdata in parlamento sarà con grande probabilità nuovamente esaminata nella riunione in calendario mercoledì prossimo. Un Consiglio dei ministri che esaminerà anche il pacchetto predisposto dal ministro dello Sviluppo economico, Corrado Passera, per la crescita.

Nuovo esame per la delega

L’iter della delega fiscale si era fermato dopo i rilievi del Quirinale. Sotto osservazione, soprattutto, le norme che escludono la punibilità in sede penale dell’abuso del diritto. Nei giorni scorsi ministero dell’Economia e della Giustizia avevano fatto sapere di lavorare congiuntamente a possibili modifiche. Soluzioni che, però, ora richiedono un nuovo passaggio del disegno di legge in Consiglio dei ministri. La conferma arriva dal sottosegretario all’Economia, Gianfranco Polillo, interpellato dall’agenzia Ansa: «Abbiamo risolto le questioni relative alle norme penali». Dopo il nuovo passaggio comincerà il conto alla rovescia per tentare di approvare le norme entro la fine della legislatura, che ormai è entrata negli ultimi undici mesi. Anche per questo si è fatta larga in sede parlamentare l’idea di concentrarsi solo su alcune misure: riforma del catasto per rendere la tassazione sugli immobili più in linea con i valori di mercato e abuso del diritto per cercare di dare un quadro normativo più stabile alle imprese che intendono investire in Italia.

Il pacchetto-Passera

Il piatto forte del Consiglio dei ministri sarà, però, il pacchetto sviluppo. Dovrebbero entrre molte misureal credito di imposta al 30% per le attività di ricerca e sviluppo delle aziende agli sgravi per l’assunzione di personale qualificato che possono arrivare fino al 100% del costo sostenuto, dalla Srl semplificata a un euro che verrà estesa dagli under 35 a tutti fino al rinvio per il Sistri (il Sistema di controllo sulla tracciabilità dei rifiuti). Molto atteso da professionisti e imprese l’innalzamento delle compensazioni Iva da un massimo di 516.456,90 euro a un milione di euro per tutti i contribuenti, a 2 milioni per le società con bilancio certificato e a 5 milioni di euro per le società quotate (anche si sta vagliando attentamente la formulazione). Modifiche in arrivo anche sulla legge fallimentare e sul sostegno all’internazionalizzazione delle imprese. Ma soprattutto potrebbero arrivare novità sui bonus fiscali per le ristrutturazioni in modo da rilanciare il settore edilizio.

Ilsole24ore.com – 4 giugno 2012

Leave a Reply
 

Your email address will not be published. Required fields are marked (*)

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

site created by electrisheeps.com - web design & web marketing

Back to Top