Sei in:

Stretta su tutti contratti tempo e nove mesi per impugnarli

Addio alle 46 forme di atipicità calcolate dalla Cgil (una ventina per Confindustria). E stretta sui rapporti di lavoro camuffati, gli impieghi distorti, gli abusi.

Il governo traduce la flessibilità “buona” sfoltendo la giungla dei contratti ad otto tipologie essenziali e si impegna a disincentivare e sanzionare gli «utilizzi impropri». Con l’obiettivo – si legge nella proposta di riforma – di «rendere più dinamico il mercato del lavoro», soprattutto per le «fasce svantaggiate», come i giovani, «contrastando al contempo la precarizzazione». «Il mantenimento della precarietà sarebbe suicida», ha spiegato ieri il ministro Fornero, specificando poi che «abbiamo in mente una forma contrattuale dominante, il contratto a tempo indeterminato, che preveda l’ingresso nel mercato del lavoro possibilmente in giovane età attraverso un vero apprendistato».

Part-time Obbligatorio per il datore di lavoro comunicare le modifiche di orario

Per il contratto a tempo parziale, arriva l’obbligo per il datore di comunicare «ogni variazione di orario», contestualmente al preavviso al lavoratore, nell’ambito del part-time verticale o misto (è questa la forma che più si presta ad abusi). Anche per il contratto intermittente (“a chiamata”) si introduce un obbligo di comunicazione amministrativa, con «modalità snelle» (compreso il messaggio telefonico), ad ogni chiamata del lavoratore, per scongiurare che sia utilizzato in modo irregolare. Per il contratto di lavoro accessorio, si pensa di restringere il campo di operatività, modificare il regime orario dei buoni (voucher) e anche qui modalità snelle per comunicare l’inizio dell’attività lavorativa.

Lavori a termine Contributi più costosi perle aziende finanzieranno i nuovi ammortizzatori

Il contratto a termine costerà di più (escluso quello di sostituzione), ma l’aggravio sarà recuperato se il datore assumerà il lavoratore a tempo indeterminato. Il meccanismo bonus/malus («premio di stabilizzazione») si attiverà con un rialzo dell’aliquota contributiva pari all’1,4% (2,7% totale) che andrà a finanziare il nuovo ammortizzatore, l’Aspi (assicurazione sociale per l’impiego). Per limitare gli abusi, aumenterà l’intervallo temporale tra un contratto e l’altro. E sarà eliminato il termine risicato di 60 giorni dalla scadenza entro cui manifestare al datore la volontà di impugnare il contratto ritenuto illegittimo, riducendo però da 330 a 270 giorni (9 mesi) il termine per l’azione in giudizio.

Apprendistato Canale privilegiato peri giovani ma dovranno esserci più assunzioni

Sarà «il canale privilegiato di accesso dei giovani al mondo del lavoro» (15-29 anni), così come previsto dal nuovo Testo unico del 2011 che dovrà essere implementato da Regioni e parti sociali

entro il 25 aprile. In arrivo, però, alcuni correttivi. Il datore potrà assumere nuovi apprendisti solo dimostrando di averne confermati una certa percentuale nel passato recente. Ci sarà una durata minima. La figura «ambigua» del referente aziendale verrà eliminata e il tutore sarà obbligatorio. La registrazione della formazione sarà sostituita da una dichiarazione del datore, in attesa del “libretto formativo”. Il nuovo “contributo di licenziamento” si applicherà anche agli apprendisti.

Collaboratori Disincentivi e nuovi vincoli così saranno evitati gli abusi

Il tentativo è quello di restringere l’uso dei co.co.pro., spesso lavoro subordinato mascherato, introducendo disincentivi normativi e contributivi. In pratica, la

definizione del “progetto” dovrà essere più stringente e specifico. L’attività del collaboratore sarà assimilata a quella del dipendente («presunzione relativa») se svolta con modalità analoghe. Non sarà più possibile inserire clausole individuali nei contratti che consentono il recesso prima della scadenza o del completamento del progetto anche senza giusta causa. Il contratto potrà essere chiuso solo per giusta causa, incapacità professionale, cessazione dell’attività cui il progetto è inerente.

Partite Iva Se la collaborazione è strutturale scatta l’assunzione definitiva

Se la collaborazione professionale, autonoma e occasionale (partite Iva), dura più di 6 mesi nell’arco di un anno, il lavoratore ne ricava più del 75% del fatturato e comporta l’uso di

una postazione di lavoro presso il committente, si presume, salvo prova contraria a carico del datore, che quel rapporto di lavoro è di fatto “coordinato e continuativo”. L’eventuale accertamento giudiziale comporterà automaticamente la conversione del rapporto in subordinato a tempo indeterminato, come avviene per i co.co.pro.Rprivi di un progetto specifico». Escluse le collaborazioni di professionisti iscritti ad albi e saranno rivisti modalità e requisiti per aprire una partita Iva.

Associazioni Giro di vite per bonificare la situazione dei soci “simulati”

Stretta in arrivo anche per le associazioni in partecipazione. La bozza parla di «bonifica» delle situazioni di soci simulati, senza reale partecipazione agli utili, che coinvolgono soprattutto “milleuristi”, giovani impiegati nei negozi in franchising (oltre 52 mila, secondo la Uil). L’abuso sarà perseguito con la limitazione del numero massimo degli associati (sino a 5 soggetti, dice la bozza, compreso l’associante), fatte salve le associazioni familiari e quelle che svolgono attività «di elevato contenuto professionale». Ma soprattutto se non ci sarà una distribuzione effettiva degli utili, il rapporto si presumerà di natura subordinata, fatta salva la prova contraria.

Repubblica – 15 marzo 2012

Leave a Reply
 

Your email address will not be published. Required fields are marked (*)

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

site created by electrisheeps.com - web design & web marketing

Back to Top