Breaking news

Sei in:

Tremonti: sanità italiana al primo posto. Perché vuol tagliarla?

La Cgil plaude alle parole del ministro dell’Economia dette nel corso dell’assemblea di Confartigianato, ma causticamente osserva che il Ssn cui fa riferimento Tremonti è lo stesso a cui si appresterebbe a tagliare 6 mld di euro con la prossima manovra.

“Grazie ai nostri medici e ai nostri infermieri la sanità l’Italia è al primo posto, gli Usa all’ultimo”. L’ha detto oggi – secondo quanto riferisce l’Adn Kronos – il ministro dell’Econnomia Giulio Tremonti intervenendo ai margini dell’assemblea di Confartigianato e riferendosi a un grafico datogli ieri dalla Commissione europea in occasione di un seminario.

“Per favore – ha aggiunto – facciamo critiche ma cerchiamo di non suicidarci. Lo sport nazionale per cui uno all’estero parla male del suo paese è inaccettabile”.

Parole che la Cgil – per bocca di Cecilia Taranto, Segretaria nazionale Fp-Cgil e Massimo Cozza, Segretario nazionale Fp-Cgil Medici – non hanno mancato di stigmatizzare, rilevando che le parole di Tremonti farebbero pensare a “un ravvedimento”. Anche se, sottolineano i due sindacalisti, “il Ministro Tremonti parla pur sempre dello stesso sistema sanitario nazionale al quale ha tolto 1,5 miliardi di euro di finanziamenti nel solo 2011 e al quale, secondo indiscrezioni giornalistiche, potrebbe sottrarne altri 6 con la prossima manovra”.

“I medici e gli infermieri che il Ministro ringrazia – proseguono – quelli che garantiscono uno dei servizi sanitari più efficienti al mondo, sono gli stessi a cui non è stato rinnovato il contratto e che operano in condizioni sempre più disagiate, in primo luogo a causa del blocco del turn over e del precariato”. “Quanto al paragone con gli Stati Uniti concludono Taranto e Cozza – conveniamo con Tremonti: pubblico è meglio”.

Quotidianosanita.it – 14 giugno 2011

Leave a Reply
 

Your email address will not be published. Required fields are marked (*)

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

site created by electrisheeps.com - web design & web marketing

Back to Top