Breaking news

Sei in:

Riforma Brunetta incassa tre stop in un giorno

La riforma del ministro della Funzione pubblica bloccata tre volte giovedì: dalla Conferenza dei presidenti delle Regioni, dal Consiglio di Stato e dal Ministero della Pubblica istruzione

Tre decise prese di posizione che dimostra quanto sia stato inutile l’accordo separato che alcune organizzazioni sindacali si sono precipitate a firmare venerdì scorso”. E’ quanto afferma il responsabile del dipartimento Settori pubblici della CGIL Nazionale, Michele Gentile, che parla di “un brutto giorno da ricordare per il ministro Brunetta”. Nel dettaglio il primo dei tre stop riguarda la Conferenza dei Presidenti delle Regioni: “Una ferma presa di posizione – spiega Gentile – che ha bloccato il Ministro in nome della correttezza istituzionale e della leale collaborazione tra Governo e Regioni”. L’ultimo episodio denunciato, sottolinea, “è l’accordo separato di venerdì scorso: un’intesa che, come sostengono le Regioni, ‘pone ulteriori gravi problemi e non convince sotto il profilo del metodo e neppure nel merito’”. Le Regioni, rileva il sindacalista, “denunciano il mancato coinvolgimento da parte del governo di queste istituzioni che sono, a tutti gli effetti, i datori di lavoro della metà dei lavoratori pubblici contrattualizzati”.

Il secondo altolà arriva dal Consiglio di Stato che, spiega Gentile, “con un suo parere, richiesto dallo stesso Ministro, affonda la pretesa di procedere al rinnovo delle Rsu nel Pubblico Impiego solo dopo aver definito i nuovi comparti di contrattazione. La pretesa del Ministro di ‘abolire’ la contrattazione aveva reso impossibile l’accordo sui nuovi comparti. Il diniego di alcune organizzazioni sindacali di procedere al rinnovo aveva portato al blocco delle Rsu e al mantenimento in capo alle organizzazioni sindacali di una ‘rappresentatività’ troppo vecchia per essere ancora veritiera”. Ora il parere del Consiglio di Stato, prosegue il sindacalista della CGIL, “fa piazza pulita di questa pretesa e afferma che i lavoratori hanno il diritto di votare per le Rsu e le organizzazioni sindacali debbono essere ‘pesate’ nella loro rappresentatività per una questione di democrazia e di reale coinvolgimento dei sindacati nelle scelte di politica economica o contrattuali”.

Il terzo e ultimo stop arriva dal Ministero della Pubblica Istruzione che, osserva Gentile, “fa piazza pulita della pretesa del ministro Brunetta di imporre la sua richiesta di abolire retroattivamente la contrattazione decentrata nelle pubbliche amministrazioni e in particolare nelle scuole e di abrogare per questa via i contratti nazionali attualmente vigenti. Dopo questo atto lo stesso Decreto correttivo emanato la settimana scorsa dal Consiglio dei Ministri diventa ‘carta straccia’”. Per concludere, quindi, “si tratta di tre stop che fiaccherebbero chiunque e dai quali si possono trarre anche alcune riflessioni: come è stato inutile quell’accordo separato che alcune organizzazioni sindacali si sono precipitate a firmare venerdì scorso. Inutile ed anche dannoso: con quell’accordo – conclude – si intendeva restituire validità ad una cosiddetta Riforma che dopo qualche giorno viene pesantemente colpita. Certo non hanno dato prova né di lungimiranza, né di autonomia”.

12 febbraio 2011 – Teleborsa

Leave a Reply
 

Your email address will not be published. Required fields are marked (*)

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

site created by electrisheeps.com - web design & web marketing

Back to Top