Breaking news

Sei in:

Vicenza. Festa del sacrificio, 4 denunce. Quest’anno le associazioni animaliste hanno intensificato i controlli

Quest’anno i volontari delle associazioni animaliste hanno intensificato i controlli degli allevamenti. Due guardie zoofile scoprono una cessione illegale di animali  da uccidere con il rito islamico  e rischiano di essere investite

Due guardie zoofile quasi investite dalle auto e momenti di tensione allo scambio di agnelli tra allevatori e marocchini nei giorni scorsi in vista della festa del sacrificio islamico.

La zona di Arzignano è più o meno la stessa in cui nell’ottobre del 2012 le guardie zoofile dell’Ente nazionale protezione animali erano intervenute per bloccare la vendita degli agnelli in alcuni allevamenti. E dove da sabato scorso, per tre giorni, si sono fronteggiati nuovamente da una parte gli islamici e gli italiani impegnati nello scambio degli animali in vista del rito di devozione ad Abramo e dall’altra i volontari dell’Enpa e della Lec, che hanno aumentato i controlli su una pratica che è illegale svolgere privatamente.

«Stavolta però, visto quanto accaduto lo scorso anno, il tutto è avvenuto al di fuori degli allevamenti – spiega Renzo Rizzi, portavoce del Coordinamento protezionista vicentino – con l’attività di vendita organizzata lungo i fossati o comunque direttamente in mezzo ai campi, nella zona del depuratore di Tezze, dove era stato portato il gregge e dove gli animali venivano abbandonati legati e pronti per essere ritirati dagli islamici. Così era più semplice scappare in caso di controllo».

Il momento di tensione più forte è avvenuto domenica mattina, quando due agenti delle guardie zoofile hanno seguito nei campi un pick-up e una station wagon che si apprestavano allo scambio degli agnelli incaprettati dal bagagliaio di un’auto all’altra. Quando le due guardie sono intervenute, chiedendo i documenti, gli occupanti del pick-up si sono dati alla fuga, innestando la retromarcia, seguiti dalla station wagon: gli agenti si sono ritrovati in mezzo ai veicoli e si sono gettati nel fossato per non essere investiti. È scattata così per quattro persone, in corso di identificazione, la denuncia alla procura di Vicenza dal Coordinamento protezionista vicentino per maltrattamento animali, resistenza a pubblico ufficiale e mancata esibizioni dei documenti.

Leggi tutto il servizio del Giornale di Vicenza – 20 ottobre 2013 

Leave a Reply
 

Your email address will not be published. Required fields are marked (*)

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

site created by electrisheeps.com - web design & web marketing

Back to Top