Sei in:

Additivi alimentari: un riepilogo delle disposizioni comunitarie. Nuovi regolamenti per alimenti di origine animale

11aadditivi-alimentari1Dal 1 giugno 2013 sono applicabili le disposizioni di cui al Reg UE 1129/ 2011 che istituendo la lista unica degli additivi alimentari autorizzati completa il Reg CE 1333/2004. Tale lista è in continua evoluzione e integrata da nuovi regolamenti che modificano ed aggiornano l’attuale legislazione. Dal 1 gennaio 2013 al 4 giugno 2013 ai regolamenti esistenti sono stati aggiunti degli aggiornamenti, alcuni dei quali relativi alle caratteristiche di purezza degli additivi alimentari. Di seguito vengono riportati i nuovi Regolamenti di interesse per gli alimenti di origine animale. Reg (UE) 25/2013 del 16 gennaio 2013 “che modifica gli allegati II e III del regolamento (CE) n. 1333/2008 del Parlamento europeo e del Consiglio e l’allegato del regolamento (UE) n. 231/2012 della Commissione per quanto riguarda l’additivo alimentare diacetato di potassio”

Reg (UE) 438/2013 del 13 maggio 2013 “che modifica e rettifica l’allegato II del regolamento (CE) n. 1333/2008 del Parlamento europeo e del Consiglio per quanto riguarda l’uso di determinati additivi alimentari”

Reg (UE) 497/2013 del 29 maggio 2013 “che modifica e rettifica il regolamento (UE) n. 231/2012 che stabilisce le specifiche degli additivi alimentari elencati negli allegati II e III del regolamento (CE) n. 1333/2008 del Parlamento europeo e del Consiglio”

Nel Reg 438/2013 si richiama l’attenzione della categoria di alimenti 01.7.1 “Formaggio non stagionato tranne i prodotti della categoria 16” in cui è stato ripristinato il legale utilizzo di additivi del Gruppo 1  nella produzione di alcuni prodotti nazionali come il mascarpone e la robiola;  inoltre nella carne trasformata trattata termicamente, categoria 08.2.2,  continua ad essere consentito l’impiego dell’acido sorbico-sorbati, dell’acido benzoico- benzoati e dei p-idrossibenzoati ovvero E200-E-219 e  l’uso della natamicina  E 223 limitatamente al trattamento superficiale degli insaccati salati a secco.

Fonte: Ministero della Salute – Da Ceirsa – 18 luglio 2013 

Leave a Reply
 

Your email address will not be published. Required fields are marked (*)

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

site created by electrisheeps.com - web design & web marketing

Back to Top