Breaking news

Sei in:

Obbligo di indicazione degli allergeni: ancora troppi errori sulle etichette dei prodotti a causa di ritardi ingiustificati, inerzia dei produttori e illeciti

Torna ad occuparsi di allergeni Dario Dongo, esperto di diritto alimentare, sul sito ilfattolimentare.it.  Dongo osserva che molte delle nuove etichette dei prodotti venduti sugli scaffali dei supermercati sono ancora fuori legge. È come se gli operatori avessero inteso la sola “novità” dell’evidenza grafica, trascurando gli elementi essenziali dell’informazione.

Ecco gli errori più frequenti rilevati

– La dicitura “farina 0”, “farina tipo 00” o  “farina integrale” non basta, perché il numero (“0? oppure “00” come pure la tipologia “integrale”) esprime la granulometria dello sfarinato, ma può riferirsi a qualsiasi cereale o legume. Se il prodotto contiene  grano o frumento bisogna scriverlo ed evidenziarlo.

– La frase “contiene frutta secca con guscio” è insufficiente. Le persone allergiche alle noci devono poter trovare il nome per esteso e in evidenza  sulla lista ingredienti in etichetta. Altrettanto dicasi per mandorle, nocciole, pistacchi, arachidi, noci di acagiù (o anacardi), noci di pecan, noci del Brasile, noci macadamia (3).

– Un discorso analogo riguarda i prodotti con glutine. Visto che diversi cereali lo contengono occorre citare separatamente le diverse specie: grano, farro, grano khorasan, segale, orzo, avena).

– Quando sulla confezione troviamo la scritta: “pangrattato”, “margarina”, “formaggio (…) , “cioccolato”, “confettura di (…)” occorre essere più precisi perché si tratta di ingredienti composti. In questo caso il nome deve essere abbinato ai  componenti minori riportati tra parentesi, in ordine decrescente, evidenziando in grassetto o con un altro metodo grafico  gli eventuali allergenici.

– Anche la scritta “prodotto in uno stabilimento dove si lavorano/dove sono presenti (…)” non basta. L’operatore responsabile (4)  deve assicurare un’informazione esatta indicando eventuali lavorazioni in atto nelle vicinanze, non previste dal regolamento UE 1169/11, possono semmai costituire oggetto delle valutazioni di cui in seguito,

– “contiene/può contenere… (di tutto e di più, ndr)”, “cartello unico degli ingredienti…”. L’impiego di elenchi generici e tendenzialmente omnicomprensivi – rispetto alla lista degli ingredienti allergenici di cui in Allegato II del reg. UE 1169/11 – può venire considerato, da parte degli ispettori pubblici, come inadempimento dei doveri di autocontrollo a carico degli operatori ed esercenti (5).

– La presenza  in etichetta della parola “Allergeni: seguita da alcuni ingredienti allergici non è prevista dal regolamento (6), perché può indurre il consumatore a credere che l’elenco consideri oltre alle sostante previste nella norma europea anche altre come: aglio, fave, alcuni additivi e/o loro supporti, spezie

La nostra squadra di esperti è a disposizione per servizi di formazione, audit, revisione etichette e registri ingredienti (per informazioni, scrivere a tech@fare.mail.com).

Tratto da Dario Dongo – Il Fatto alimentare – 22 marzo 2015 

Leave a Reply
 

Your email address will not be published. Required fields are marked (*)

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

site created by electrisheeps.com - web design & web marketing

Back to Top