Sei in:

“Auto blu tagliate del 20 per cento”. Relazione della Corte dei Conti: ma bisogna insistere e usare i bus, i taxi e il car sharing

Ma il taglio delle auto blu, odiati simboli di privilegio, c’è davvero o no? Il governo dice di sì, ma ogni tanto rispunta la polemica secondo cui si tratterebbe solo di fumo negli occhi. A chiarirci le idee arriva la Corte dei Conti, secondo cui la stretta sulle auto blu nelle pubbliche amministrazioni ha centrato «gli obiettivi di riduzione e di contenimento della spesa, salvo alcuni limitati casi». 

La Corte dei Conti definisce il taglio delle auto di servizio di politici e dirigenti «un capitolo importante dei piani di spending review varati dai governi che si sono succeduti nel recente passato». Le auto blu sono diminuite del 20% dal 2009. «Ciò – si legge in una relazione – è stato reso possibile, oltre che per la progressiva diminuzione del parco auto, anche dalla scelta delle amministrazioni centrali della formula della locazione e del noleggio senza conducente, che consente di beneficiare di una flotta sempre in perfetto stato di manutenzione, con una riduzione delle stesse spese e di quelle di gestione, comprensive dei premi assicurativi». 

Un riconoscimento particolare «quale esempio di virtuosità» è dato al Ministero del Lavoro che già nel 2011 ha tagliato la spesa per auto blu del 54,49% rispetto a quella sostenuta nel 2009.

Però c’è ancora molto da fare. Il costo del personale addetto a queste mansioni resta eccessivo, pertanto «sarebbe opportuno ricorrere in alternativa anche all’uso di mezzi di trasporto pubblici, di taxi o autovetture in noleggio con conducente». Nell’ultimo capoverso si annota: «Non sembra avere trovato attuazione, sul piano delle scelte in concreto effettuate – salvo alcune eccezioni – la previsione di “modalità innovative di gestione,” con riferimento all’utilizzo condiviso delle autovetture ( c.d. car sharing ), che comporterebbe un evidente risparmio di spesa e all’acquisto di buoni taxi: strumenti che sono stati rilanciati dal recente d.p.c.m. 25 settembre 2014».

La Stampa – 19 aprile 2015 

Leave a Reply
 

Your email address will not be published. Required fields are marked (*)

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

site created by electrisheeps.com - web design & web marketing

Back to Top