Breaking news

Sei in:

Benessere animale, la Commissione europea ha adottato la nuova strategia 2012-2015

1a1a16_europaLa Commissione europea ha adottato il 19 gennaio una nuova strategia quadriennale (2012-2015) volta a migliorare in modo ancora maggiore il benessere degli animali nell’Unione europea. La recente entrata in vigore della legislazione sulle “galline ovaiole” ha dimostrato che in diversi Stati membri persistono problemi per quanto concerne il benessere degli animali. Alcune iniziative sono già state prese, ma diversi aspetti vanno affrontati in modo diverso per ottenere risultati maggiormente sostenibili. La nuova strategia prevede la necessaria flessibilità per consentire agli operatori di raggiungere, con modalità diverse, i prescritti standard in materia di benessere. L’attuazione delle norme già presenti, a volte estremamente dettagliate e settoriali, finiscono con il non avere un campo di applicazione  generale

Una maggiore coerenza delle politiche e l’ottimizzazione della trasparenza del mercato nell’ambito di un ampio quadro legislativo sul benessere animale contribuirà a ridurre le contraddizioni, reali o percepite, tra il benessere degli animali e le esigenze degli operatori economici. Le misure finalizzate al benessere degli animali devono assicurare l’efficacia dei costi. La proposta di consacrare risorse agli aspetti dell’istruzione e della formazione dovrebbe assicurare la massima efficacia delle iniziative, sia in termini economici che di benessere degli animali, così ha affermato John Dalli, commissario UE responsabile per la salute e i consumatori.

La necessità di un cambiamento

La legislazione UE sul benessere degli animali, sviluppata negli ultimi decenni in risposta a situazioni specifiche e a richieste politiche, è a volte estremamente dettagliata e settoriale, con il risultato che il suo campo di applicazione non è generale. L’attuazione diseguale di tali regole negli Stati membri crea condizioni di concorrenza diseguali in questo importante settore economico. Considerata la diversità dei climi, dei terreni e dei sistemi di allevamento in cui tale normativa va applicata, quest’ambito della legislazione europea necessita un cambiamento.

La nuova strategia è stata adottata sotto forma di comunicazione della Commissione al Parlamento europeo, al Consiglio e al Comitato economico e sociale europeo.

Perché continuano a sussistere problemi?

La comunicazione della Commissione identifica nella mancata attuazione della legislazione UE da parte degli Stati membri in diversi ambiti uno dei problemi maggiori che influenzano negativamente il benessere degli animali nell’UE. Un altro ostacolo a un’attuazione piena ed equa è dato dal fatto che il mercato non fornisce incentivi economici sufficienti per indurre gli operatori a mettersi a norma.

La comunicazione constata inoltre che molte delle parti interessate non hanno conoscenze sufficienti sul benessere degli animali ed evidenzia inoltre carenze nella legislazione UE che rendono più difficile assicurare condizioni di benessere adeguate per certe categorie di animali.

Interventi suggeriti

Per rispondere a queste problematiche, la strategia prevede un approccio su due binari: una proposta di normativa completa sul benessere degli animali e il rafforzamento delle azioni condotte attualmente. La legislazione proposta dovrebbe promuovere un approccio innovativo incentrato sui risultati reali in tema di benessere invece che su input meccanicistici e concentrare maggiormente l’attenzione sui livelli di istruzione e di professionalità delle persone interessate.

 Il secondo elemento propone il rafforzamento e l’ottimizzazione delle azioni condotte attualmente dalla Commissione: potenziare gli strumenti per rafforzare l’ottemperanza degli Stati membri ai requisiti di legge, intensificare la cooperazione internazionale già esistente in tema di benessere degli animali, informare meglio i consumatori nonché realizzare studi negli ambiti in cui il benessere degli animali appaia incontrare i maggiori problemi.

Contesto

La Commissione ha adottato per la prima volta nel 2006 una strategia in tema di benessere degli animali. Il programma d’azione comunitario per la protezione ed il benessere degli animali 2006-2010 raggruppava i diversi aspetti della politica UE sul benessere degli animali che regolamentava le condizioni di miliardi di animali allevati a fini economici.

La nuova strategia prende le mosse dalla precedente e, in particolare, dagli insegnamenti tratti dal quinquennio di attuazione del primo programma d’azione. La necessità di una nuova strategia è tanto più evidente se si considera l’importanza degli animali nella nostra vita quotidiana.

Il settore agricolo è quello più grande per quanto concerne l’uso degli animali. Nelle aziende di tutta l’UE vi sono circa due miliardi di volatili (polli per la produzione di carne, galline ovaiole, tacchini, anatre e oche) e trecento milioni di mammiferi (mucche, maiali, pecore, ecc.). Nell’UE anche la popolazione degli animali da compagnia è estremamente grande. Si stima che nell’Unione vi siano circa cento milioni di cani e di gatti. Nell’UE il valore annuo dell’allevamento è stimato a circa 150 miliardi di euro. Il contributo dell’Unione a sostegno del benessere degli animali è stimato ad un importo annuo di 70 milioni di euro versati agli allevatori a titolo di pagamenti per il benessere degli animali nell’ambito dei programmi di sviluppo rurale o consacrati ad altre attività legate al benessere degli animali, come ricerca, studi economici, comunicazione, formazione e istruzione

Per maggiori informazioni

Bruxelles, 20 gennaio 2012

Leave a Reply
 

Your email address will not be published. Required fields are marked (*)

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

site created by electrisheeps.com - web design & web marketing

Back to Top